home‎ > ‎ParamaKarunaDevi‎ > ‎

Cosmologia Vedica

pubblicato 19 giu 2014, 12:27 da TEMPO diSERVIRE

Cosmologia  Vedica

 

 

Dentro e fuori dal tempo e dallo spazio: visita al mondo trascendentale, a quello materiale e ritorno a casa.
Questo e' un modo semplificato di capire il vagabondaggio di un'anima spirituale nel "samsara", il ciclo di nascite e morti. Vengono illustrati gli argomenti di base per capire il mondo e la vita in esso, e per aiutare ad imparare i diversi modi di vita che portano all'elevazione o alla degradazione. 

Con queste informazioni potrai controllare meglio la tua vita, in armonia con l'universo e le sue leggi:
Questo "tour" e' basato su scritture Vediche come la Bhagavad-Gita (BG), lo Srimad Bhagavatam (SB), la Caitanya Caritamrita (CC), la Brahma-Samhita (BS) ed altre risorse Vaisnava. 

 

Io sono un jiva, un'anima spirituale, eterna particella del Signore. La mia "svarupa", il mio corpo spirituale, ha una forma simile ad uno dei corpi materiali di questo mondo, ma e' formato da eternita', conoscenza e felicita' (sac-cid-ananda). Sebbene io possa stare qui eternamente nell'amorevole compagnia del Signore e partecipare ai Suoi "Lila" (divertimenti), ho deciso di esplorare il mondo materiale, iniziando cosi' il mio viaggio...
Il Signore non interferisce con il mio libero arbitrio, impedendomi di lasciarLo, ma e' illimitatamente felice quando io ritorno da Lui: 
" Dopo averMi raggiunto, le grandi anime, yogi colmi di devozione, non tornano mai più in questo mondo temporaneo e pieno di sofferenza perché hanno ottenuto la perfezione più alta. " (BG 8.15)
 

 

 

 

HARI-DHAMA

 


 

Questa e' la mia casa, il mondo trascendentale di natura sac-cid-ananda 
(eterna, piena di conoscenza e felicita'), dimora del Signore Supremo 
nelle Sue forme illimitate: le sue 5 suddivisioni sono chiamate
 Goloka Vrindavana, Navadvipa, Mathura, Dvaraka, Ayodhya, Vaikuntha
 (generalmente dette Hari-dhama). 

QUI COMINCIA E FINISCE IL MIO VIAGGIO NEL MONDO MATERIALE 
 

 

-Goloka Vrindavana - 


"Adoro Govinda (Krishna), il Signore originale, che risiede nel Suo regno, 
Goloka, con Radha, che assomiglia alla Sua figura trascendentale e personifica
 la potenza dell'estasi (hladini). Intorno a loro stanno le compagne confidenti 
di Radha, che sono estensioni della sua forma corporea e sono ispirate
 e permeate dall'eterno rasa spirituale, colmo di felicita' ". (BS 5.37) 
 


- Navadvipa -


"Quel luogo (dove Sri Caitanya apparve) e' simile ad una meravigliosa citta', 
che assomiglia ad un fiore un loto ad otto petali. Nel mezzo della citta' c'e' un luogo
 chiamato Mayapura, e nel mezzo di Mayapura c'e' un luogo chiamato Antardvipa. 
Questo posto e' la casa del Signore Caitanya, Dio, la persona suprema". 
(Dal commento di Bhaktivinoda Thakura sulla Chandogya Upanisad 8.1.1-2)
"Quello Stesso Signore originale, Sri Krishna, apparve a Navadvipa 
come Sri Caitanya, e Balarama apparve con Lui come Sri Nityananda". (CC Adi-lila 5.6)
"In questa eta' di Kali, le persone dotate di sufficiente intelligenza adoreranno il Signore,
 che e' accompagnato dai Suoi associati, compiendo il sankirtana-yajna 
(il canto congregazionale dei santi nomi del Signore)". (SB 11.5.32)



Mathura


Mathura - "Sri Uddhava disse: Il Signore Krishna ando' nella citta' di Mathura insieme 
con Sri Baladeva, e per soddisfare i Loro genitori, Essi gettarono giu' dal trono
 Kamsa, il peggior nemico degli uomini. 
Poi, trascinandolo con forza sul terreno, lo uccisero". (SB 3.3.1)
"Da quel momento la citta' di Mathura divento' la capitale di tutti i re della dinastia Yadu.
 La citta' e il distretto di Mathura sono strettamente connessi con Krishna, perche' 
Egli vive la' eternamente". (SB 10.1.28) 



Dvaraka


Dvaraka - "E' certamente meraviglioso che Dvaraka abbia superato la gloria
 del regno celeste ed abbia accresciuto la fama della Terra.
 Gli abitanti di questa citta' possono contemplare costantemente l'anima di tutti gli esseri, 
Krishna, mentre col Suo aspetto affascinante e un dolce sorriso sulle labbra,
 Egli posa su di loro il Suo sguardo affettuoso". (SB 1.10.27)
 

Ayodhya


 

Ayodhya - "Sri Ramacandra torno' alla Sua dimora,
 alla quale vengono elevati i bhakti-yogi.
 Questa fu anche la destinazione che tutti gli abitanti di Ayodhya raggiunsero, 
per aver servito il Signore nei Suoi divertimenti manifestati,
 offrendoGli i loro omaggi, toccando i Suoi piedi di loto e considerandoLo un re paterno,
 sedendosi o sdraiandosi accanto a Lui come Suoi pari,
 o anche semplicemente accompagnandoLo". (SB 9.11.22) 



Vaikuntha


 

Vaikuntha - "Gli abitanti di Vaikuntha hanno la carnagione blu 
come il cielo. I loro occhi assomigliano al fiore di loto, e il loro aspetto e' simile
 a quello di adolescenti. 
Hanno tutti quattro braccia e il loro corpo esercita grande fascino.
 Portano vestiti gialli, e sono tutti meravigliosamente ornati di collane di perle
 e medaglioni. Una radiosita' brillante emana dalla loro persona". (SB 2.9.11)
"Alcuni hanno lo splendore del corallo e del diamante;
 il loro capo e' ornato di corone di fiori, sbocciati come il fiore di loto.
 altri portano degli orecchini". (SB 2.9.12)
"Seduto sul Suo trono, il Signore e' circondato da diverse energie, 
come le quattro, le sedici, le cinque e le sei perfezioni naturali, e da altre energie minori
 di carattere temporaneo.
 Ma Lui regna da sovrano assoluto e gode della propria dimora". (SB 2.9.17)
 


Brahmajyoti



Creazione del mondo materiale: In un angolo del mondo
 spirituale (brahmajyoti) a volte appare una nuvola, 
e la porzione coperta dalla nuvola e' chiamata mahat-tattva. Il Signore poi, 
nella Sua emanazione plenaria di Maha-Visnu, Si sdraia nell'acqua del mahat-tattva, 
conosciuta col nome di Oceano Causale (Karana-jala).
 Mentre Maha-Visnu dorme sull'Oceano Causale,
 innumerevoli universi sono generati dal Suo respiro.
 Questi universi fluttuano qua e la' sull'Oceano Causale.
 Essi durano soltanto per il tempo di un respiro di Maha-Visnu. 
In ognuno di questi universi, lo stesso Maha-Visnu entra di nuovo come
 Garbhodakasayi Visnu e Si sdraia sull'avatara Sesa,
 dall'aspetto di serpente. 
Dal Suo ombelico emerge lo stelo di un fiore di loto, e su questo loto nasce Brahma, 
il signore dell'universo.
 Brahma crea tutte le forme di cui dovranno rivestirsi gli esseri individuali, 
secondo i loro desideri. Egli crea anche il Sole, la Luna e altri esseri celesti. (SB 2.5.33) 

 

MAHAVISNU




Il Signore Mahavisnu riposa sul fiume Viraja,
 l'Oceano Causale (Karanodaka), che e' il confine tra il regno trascendentale
 e quello materiale.
"L'essere Supremo, nella Sua manifestazione trascendentale di purusa avatara,
 che e' un'emanazione plenaria della Sua persona, feconda la natura materiale
 composta dalle tre influenze materiali, e cosi', per l'influenza del tempo eterno, 
appaiono gli esseri viventi".
"Percio', influenzata dalle interazioni del tempo eterno, la somma totale della materia, 
chiamata mahat-tattva, si manifesta, e in questo mahat-tattva, la virtu' incontaminata,
 il Signore supremo pose i semi della manifestazione universale,
 che provengono dal Suo stesso corpo". (SB 3.5.26-27) 



Pradhana



La destinazione dei sunyavadi (buddhisti) e' il Pradhana, 
la materia primordiale, che ha una natura "sunya" (vuota). 
Quando Mahavisnu espira, essa e' manifestata e si trasforma gradualmente in prakriti, 
materia, la base del mondo materiale.
 Quando Egli inspira, essa e' riassorbita nel Suo corpo insieme con tutte le jiva (anime). 
Tramite lo sguardo di Mahavisnu tali jiva sono in seguito nuovamente trasferite
 nel grembo di Durga, la natura materiale, al momento della creazione successiva
 (durante la Sua prossima espirazione).



 

MAHESA-DHAMA


 

 

Il reame del Signore Siva 
e' pieno di effulgenza del Brahman. 
Esso e' situato tra Hari-dhama (il regno di Dio, descritto sopra) 
e Devi-dhama (il mondo materiale, descritto sotto).

Questa e' la destinazione dei Brahmavadi, gli impersonalisti adoratori di Siva,
 e di coloro che meditano sul Brahman. 
Qui io posso risiedere per lungo tempo come associato di Siva o, 
per la sua misericordia, raggiungere l'Hari-dhama. 
Ma puo' accadere che io violi le regole della vita qui, 
e che sia inviato di nuovo nel mondo materiale. 
"Gli esseri celesti videro Siva seduto sulla sommita' della collina Kailasa con sua moglie,
 Bhavani, per lo sviluppo auspicioso dei tre mondi.
 Egli era adorato da grandi saggi che desideravano la liberazione. 
Gli esseri celesti gli offrirono omaggi e preghiere con grande rispetto". (SB 8.7.20 


DEVI-DHAMA


Questo mondo materiale e' il regno di Durga, che e' l'energia materiale
 nella sua forma personale.
"La dea Durga, adorna di ghirlande di fiori e spalmata con polpa di sandalo, 
era vestita con eccellenti stoffe e coperta di preziosi gioielli.
 Tenendo nelle mani un arco, un tridente, delle frecce, uno scudo, una spada,
 una conchiglia, un disco e una mazza, era pregata da esseri celesti come
 le Apsara, i Kinnara, gli Uraga, i Siddha, i Carana ed i Gandharva, 
che la adoravano con ogni genere di offerta...". (SB 10.4.10-11)
 

Io, il jiva, sono soltanto una scintilla spirituale
 di dimensioni infinitesimali, ed in accordo al mio desiderio e karma,
 prendo nascita in vari corpi materiali, uno dopo l'altro
 (il ciclo di nascite e morti, o samsara) in questo mondo,
 caratterizzato dalla presenza di nascita, malattia, vecchiaia e morte
 (janma-mrtyu-jara-vyadhi). 
Questi sono i sintomi della mia vita condizionata, basata sulla mia identificazione

 con la materia. 
Durante il mio intero soggiorno qui, sono accompagnato dal Signore
 nella Sua forma invisibile di Paramatma (anima suprema) nel mio cuore.
 Egli mi lascia agire in base al mio desiderio, testimonia e permette ogni mia azione.



Paramatma


 

Paramatma - "Sono nel cuore di ogni essere, 
e da Me vengono il ricordo, la conoscenza e l'oblio.
 Il fine di tutti i Veda e' quello di conoscerMi. In verita', Io sono il compilatore del Vedanta,
 e sono colui che conosce i Veda". (BG 15.15) 
"Sri Krsna, il Signore supremo, che e' il Paramatma (l'anima suprema)
 nel cuore di ogni essere, 
e il benefattore del devoto sincero, toglie ogni desiderio materiale dal cuore 
del devoto che ha sviluppato il vivo desiderio di ascoltare il Suo messaggio,
 colmo di virtu' quando viene trasmesso e ricevuto adeguatamente". (SB 1.2.17)
"Chi adora la Divinita' di Dio installata nel tempio, ma non sa che il Signore supremo, 
come Paramatma, e' situato nel cuore di ogni essere vivente, 
e' situato nell'ignoranza, e paragonato ad una persona
 che offre oblazioni nella cenere". (SB 3.29.22)
 


MAPPA 1 
Tutti gli universi sono agglomerati in grappoli verticali, e sono separatamente ricoperti 
da 7 involucri distinti, ciascuno 10 volte piu' spesso del precedente. 
La massa d'acqua e' oltre le 7 coperture. 
Il diametro del fenomeno cosmico e' calcolato essere 6.440 Milioni di chilometri, 
poi iniziano le coperture dell'universo.
 Il primo strato di copertura (terra) si estende per circa 130 Milioni di chilometri.
 Poi vengono, uno dopo l'altro, gli strati successivi, formati rispettivamente di fuoco,
 di luce, di aria e di etere, ciascuno dieci volte piu' spesso del precedente. (SB 2.2.28)
1 yojana = 12,8 km
Dhruvaloka, la stella polare, e' situata a 3.800.000 yojana sopra il Sole. 
Oltre Dhruvaloka, a 10.000.000 di yojana, c'e' Maharloka; 
sopra Maharloka, a 20.000.000 di yojana c'e' Janaloka,
 e sopra Janaloka, a 80.000.000 di yojana, c'e' Tapoloka.
 Oltre Tapoloka, a 120.000.000 di yojana, c'e' Satyaloka. 
Cosi' la distanza dal Sole a Satyaloka e' di 233.800.000 yojana, 
cioe' di circa 3.010.130.000 chilometri. 
I pianeti Vaikuntha cominciano ad apparire a 26.200.000 yojana (337.320.000 chilometri)
 sopra Satyaloka.
 Cosi' il Visnu Purana descrive che la copertura dell'universo
 si trova a 260.000.000 yojana (3.347.448.000 chilometri) dal Sole. (SB 5.23.9) 

SATYALOKA

 


SATYALOKA 

(continua la vita del jiva nei vari luoghi)

Il primo corpo è quello di Brahma, il creatore secondario di questo mondo. Qui si vive su Satyaloka, il livello dimensionale  più alto in questo mondo. Se si rimane puri devoti di Dio, alla fine della mia lunga vita, io il jiva ritornerò ad Hari-dhama con miei associati, i grandi saggi. Altrimenti  rinascero' come un grande saggio su Muniloka. 

 Dio e l'entità vivente, sono entrambe qualitativamente (in qualita' non in quantita') anime spirituali, aventi la tendenza a vivere in beatitudine, ma quando la parte della Personalità Suprema della Divinità vuole sfortunatamente godere indipendentemente, senza Krsna, viene im-messa nel mondo materiale, dove comincia la sua vita come Brahma e gradualmente è degradato allo stato di una formica o di un verme." (SB 9.24.58 p.) 

"Gli yoghi che sono liberati dal mondo materiale attraverso la pratica di esercizi respiratori e il controllo della mente, aspirano al pianeta di Brahma, il quale e' lontano, molto lontano. Dopo avere abbandonato i loro corpi,  entrano nel corpo del Dio Brahma, e perciò quando Brahma è liberato e va alla Divina Personalità Suprema che è il Supremo Brahman, solo allora tali yoghi possono entrare nel regno di Dio." (SB 3.32.10) 


 


 

MUNILOKA 

Muniloka è il nome generale delle dimore di grandi saggi: Tapoloka, Janaloka, Maharloka.Questi saggi meditano continuamente su Dio. Qui posso incarnarmi in  uno di questi saggi, attraverso la mia meditazione e posso andare più in alto, verso  Satyaloka, e divenire amico di Brahma, o precipitare in giù, al livello dei deva (i demigods) gli esseri celesti

"Attraverso la pratica dello  yoga mistico, delle grandi austerità e dell'ordine di rinuncia alla vita, le destinazioni pure di Maharloka, Janoloka, Tapoloka e Satyaloka sono raggiunti. Ma seguendo lo yoga devozionale, si realizza (si raggiunge) la Mia dimora trascendentale." (SB 11.24.14) 

 


 

MAPPA 2

Dhruvaloka 

gruppo di sette stelle 

Sanaiscara 

Brihaspati-graha 

Angaraka 

Budha 

Sukra 

Gruppo di stelle 

Luna 
Sole 


Oceano di Garbhodaka 

 

 

mappa 2 
La luna è situata 100,000 yojanas sopra ai raggi della luce del sole. Giorno e notte sui pianeti paradisiaci e Pitrloka sono calcolate secondo il suo calare ed incedere. Sopra la luna da una distanza di 200,000 yojanas ci sono delle stelle, e sopra di queste stelle Sukra-graha è (Venere) la cui influenza è di lieto auspicio per gli abitanti dell'universo intero. Sopra Sukra-graha entro 200,000 yojanas c' è Budha-graha (Mercurio) la cui influenza è talvolta di lieto auspicio e qualche volta di cattivo auspicio. Successivamente, su Budha-graha da 200,000 yojanas, c'è Angaraka (Marte), il quale ha quasi sempre un'influenza sfavorevole. Sopra Angaraka a 200,000 yojanas c'è il pianeta chiamato Brhaspati-graha (Giove) che è molto favorevole per i brahmanas qualificati. Sopra Brhaspati-graha c'è il pianeta Sanaiscara (Saturno) che e' di cattivo auspicio, e su v'è un gruppo di sette stelle occupate dalle grandi persone sante che vigilano sul benessere dell'universo intero. Queste sette stelle circondano Dhruvaloka che è la residenza di Dio Visnu all'interno di questo universo. (SB 5.22) 





SVARGALOKA 

Svargaloka è la dimora degi (demigods) esseri celesti (deva).

 In questo luogo regna Indra (l'essere celeste principale) o uno degli altri esseri celesti,  il suo dovere è maneggiare (amministrare) gli affari dell'universo, e proteggere i suoi abitanti contro gli asura (i demoni) come un servitore conferito dai poteri di Dio. Se in questo luogo  avanzo (progredisco) nel mio servizio devozionale,  ri-nascero' come un saggio a Muniloka. Se mi lego al godimento materiale, mi degraderò fino a precipitare in una posizione più bassa ad esempio di  un semi-demigod (essere celeste)o in un essere umano. 

 "Gli Uomini di poca conoscenza sono legati moltissimo alle parole fiorite dei Veda che raccomandano varie attività che favoriscono l'elevazione ai pianeti paradisiaci, o una buona nascita, o il successo, e così via. Essendo bramosi della gratificazione dei sensi e della vita opulenta, questi uomini non vedono null'altro." (BG 2.42-43) 

Indra: "Noi ora stiamo vivendo nei pianeti paradisiaci, indubbiamente come risultato per aver compiuto cerimonie rituali, attività pie e yajnas (conoscenza) e per aver studiato i Veda. Comunque, le nostre vite qui, un giorno finiranno. Noi preghiamo sempre, affinche' rimanga qualche merito delle nostre attività pie, affinche' possiamo prendere di nuovo nascita in Bharata-varsa come esseri umani capaci di ricordare i piedi di loto di Dio. Dio è così generoso con il genere umano, in quanto Lui personalmente discende  sulla terra di Bharata-varsa ed espande la buona fortuna alla sua gente." (SB 5.19.28)


 

BHUVARLOKA



Bhuvarloka - La sede degli esseri celesti semi-dei (deva)

(Carana, Vidyadhara, Kinnara Kimpurusa ecc.). Posso essere reincarnato qui come uno dei minori semi-dei (sempre io, il jiva) in questo luogo e assisto i semi-dei nei vari modi ed interagisco qualche volta con le creature. La conseguenza di  un mio avanzamento nel mio servizio di devozione, mi condurra' a diventare un semidio (essere celeste)(deva) o se permango soggiogato  dalla natura materiale ri-nascero' come creatura umana sul livello terreno, Bhurloka. 

Semi-dei - esseri celesti-(deva) - "Sotto Rahu circa 10,000 yojanas [80,000 miglia] ci sono i pianeti noti come Siddhaloka, Caranaloka e Vidyadhara-loka. " (SB 5.24.4) 

"Mentre Lui stava passando nella direzione settentrionale, tutti gli abitanti celestiali noti come

 Caranas e Gandharvas così come i muni e le damigelle dei pianeti paradisiaci, pregarono e gli offrirono tutti i rispetti. L'oceano gli offrì oblazioni ed un luogo di residenza." (SB 3.33.34) 

MAPPA 3

Sole 

Rahu 


Siddhaloka

 
Caranaloka 


Vidyadhara-loka 

Antariksa 

Terra 

Bila-svarga 

Pitrloka 

Pianeti infernali 


Anantadeva

 
Oceano di Garbhodaka 




MAPPA 3 
Rahu è situato 10,000 yojanas sotto il sole. Sotto Rahu a 10,000 yojanas ci sono i pianeti di Siddhas, Caranas e Vidyadharas, e sotto questi ci sono pianeti come Yaksaloka e Raksaloka. Sotto questi pianeti c'e' la terra, e 70,000 yojanas sotto la terra ci sono i sistemi planetari più bassi Bila-svarga: Atala, Vitala, Sutala, Talatala, Mahatala, Rasatala e Patala. I Demoni e Raksasas vivono in questi sistemi planetari più bassi con le loro mogli e bambini, sempre presi dalla gratificazione dei sensi e non temono le loro prossime nascite. La luce del sole non giunge mai su questi pianeti, ma loro sono illuminati da gioielli incastrati nei cofani dei pianeti dei serpenti . A causa di queste brillanti gemme non c'è praticamente oscurità. Quelli che vivono in questi pianeti non divengono vecchi o malati, e non hanno paura della morte per alcuna causa, ma il fattore tempo, la Divina Personalità Suprema. 
Nel pianeta Atala, lo sbadigliare di un demone ha prodotto tre generi di donne, svairini chiamate (indipendenti), kamini (forte) e pumscali (soggiogate facilmente dagli uomini). Sotto Atala c'e' il pianeta Vitala, dove risiedono il Dio Siva e sua moglie Gauri. A causa della loro presenza, viene prodotto qualche genere di oro, denominato hataka. Sotto Vitala c'è il pianeta Sutala, la dimora di Bali Maharaja, il re più fortunato. Bali Maharaja fu favorito dalla Divina personalità Suprema, Vamanadeva, a causa del suo intenso servizio devozionale. Sotto Sutala c'è il pianeta Talatala, la dimora del demone Maya. Questo demone è materialmente sempre felice sempre perché è il favorito del Dio Siva, ma lui non può realizzare mai la felicità spirituale. Sotto Talatala c'è il pianeta Mahatala, dove ci sono molti serpenti con centinaia e migliaia di cofani. Sotto ci sono Mahatala è Rasatala, e sotto c'è Patala (Nagaloka), dove il serpente Vasuki vive coi suoi simili. (SB 5.24) 


I pianeti infernali sono situati nello spazio intermedio tra i tre mondi e l'Oceano di Garbhodaka. Loro giacciono sul lato meridionale dell'universo, sotto di Bhu-mandala e leggermente sopra l'acqua dell'Oceano di Garbhodaka. Pitrloka è localizzato anche in questa regione tra l'Oceano di Garbhodaka ed i sistemi planetari più bassi. Tutti i residenti di Pitrloka, capeggiati da Agnisvatta meditano nel grande samadhi sulla Personalità Suprema della Divinità e augurano sempre il bene alle loro famiglie. (SB 5.26.5) 

Approssimativamente 240,000 miglia sotto il pianeta Patala vive il Dio Ananta. Questo grande universo, situato su uno dei migliaia di posti del Dio Anantadeva appare solo come un seme di senape bianco. È infinitesimo comparato al regno del Dio Ananta. (SB 5.25.1-2) 

La distanza dal sole alla terra è collocata nei sistemi planetari più bassi chiamati Atala, Vitala, Sutala, Talatala, Mahatala, Rasatala e Patala. Sotto questi pianeti più bassi da 30,000 yojanas, Sesa Naga giace sull'Oceano di Garbhodaka. Quell' oceano è profondo 249,800,000 yojanas. Così il diametro totale dell'universo è approssimativamente 500,000,000 yojanas, o 4,000,000,000 miglia. (SB 5.23.9 p.)

 

ANTARIKSA



Tra Bhuvarloka e Bhurloka c'è antariksa, uno spazio interplanetario dove e' situato il Sole. Qui vivono esseri quali i Raksasas, Yaksas, Pisacas e fantasmi. Loro discendono spesso sulla terra e sono generalmente ostili alle creature umane. Generalmente rinascono come creature umane. 

Fantasmi - "entità Viventi" che sono simili a  Rudra e sviluppano la terza maniera della natura materiale (tamas), o l'ignoranza. Loro sono situati nel cielo tra i pianeti terreni ed i pianeti paradisiaci." (SB 3.6.29) 

"Sotto ai pianeti Vidyadhara-loka, Caranaloka e Siddhaloka,  si trovano nel cielo quelli chiamati antariksa, e sono i luoghi di divertimento per gli Yaksas, Raksasas, Pisacas i dei fantasmi e così via. 

Antariksa si estende moltissimo espandendosi come colpi di vento spazzando le nubi nel cielo.

 Sopra di questo non c'è più aria." (SB 5.24.5)



BHURLOKA 



Bhurloka, o Bhu-mandala è il livello terreno che consiste di sette sfere ( dvipas) - Jambudvipa, Plaksadvipa Salmalidvipa, Kusadvipa Krauncadvipa, Sakadvipa Puskaradvipa - le quali sono occupate dai vari esseri umani. 

"Il sistema planetario noto come Bhu-mandala assomiglia ad un fiore di loto, e le sue sette isole assomigliano alla spira di quel fiore. La lunghezza e la larghezza dell'isola noto come Jambudvipa  è situato nel medio della spira e conta un milione di yojanas [otto milioni di miglia]. Jambudvipa è rotondo come la foglia di un fiore" di loto. (SB 5.16.5) 

Il pianeta Terra dove potrei reincarnarmi (ricordiamoci che stiamo assistendo al viaggio del jiva)come un essere umano è situato all'interno di Jambudvipa.

 È noto come karma-bhumi (Visnu Purana 2.3.2), il luogo dove viene creato nuovo karma, una specie di incrocio cosmico. Qui deciderò della mia situazione futura, andare piu' in alto o piu' in basso, agendo in un particolare modo (non "tutti i percorsi sono gli stessi" - yatha mata tatha pata). 

Disse re Rahugana: "Questa nascita come un essere umano è la migliore di tutte. Anche la nascita fra i dei nei pianeti paradisiaci non è gloriosa come la nascita in un essere umano su questa terra. Quale è l'uso della posizione elevata di un deva? Nei pianeti paradisiaci, a causa del materiale confortevole, non c'è nessuna possibilità di legarsi con i devoti." (SB 5.13.21)



BILA SVARGA



Bila-svarga è il nome dei cieli sotterranei abitati dagli asura (demoni) e dai Nagas (serpenti). 

Il Bhagavata Purana elenca sette di loro, collocati uno sotto l' altro: Atala, Vitala, Sutala, TalatalaMahatala, Rasatala e Patala. 

Bila-svarga - "In questi sette sistemi planetari che sono anche noti come i cieli sotterranei [i bila-svarga], ci sono case molto belle, giardini e luoghi di godimento per i sensi, e sono anche più opulenti di quelli dei pianeti più elevati, perché i demoni hanno uno standard molto alto del piacere sensuale, della ricchezza e
 del narcisismo. La maggior parte dei residenti di questi pianeti sono noti come DaityasDanavas e Nagas; vivono come dei veri signori. Le loro mogli, bambini, amici e società sono tutti completamente impegnati in mansioni illusorie, e felicità materiali. Il godimento dei sensi di queste divinita' qualche volta è disturbato, ma generalmente i residenti di questi pianeti si godono la vita senza disturbi. 

Così loro sono conosciuti, come esseri molto attaccati alla felicità illusoria." (SB 5.24.8) 

Asuras - "Ora mi permetto di descrivere i figli di Diti che furono generati da Kasyapa ma che divennero demoni. In questa famiglia demoniaca apparve il grande devoto Prahlada Maharaja, e anche Bali Maharaja apparve in quella famiglia. I demoni sono tecnicamente noti come Daityasperché loro provengono dall'utero di Diti." (SB 6.18.10)


NAGAS

Nagas - "Sotto Rasatala un altro sistema planetario, noto come Patala o Nagaloka si trovano molti serpenti demoniaci, i dominatori di Nagaloka, come Sankha, Kulika, Mahasankha, Sveta, Dhananjaya, Dhrtarastra, Sankhacuda, Kambala, Asvatara e Devadatta. 

Il capo fra loro è Vasuki.

 Loro sono tutti estremamente furenti, e hanno molti, molti cofani (luoghi) - alcuni con cinque serpenti, altri con sette, altri di dieci e altri di cento ed altri di mille serpenti. Questi cofani (luoghi) sono adornati con gemme preziose, e l'emanare leggero dalle gemme illumina l'intero sistema planetario di bila-svarga.

" (SB 5.24.31) 

Io sono diventato un asura o Nagas, un essere mezzo umano e mezzo serpente,  e questi vivono e godono di uno standard di vita materiale molto alto rispetto ai livelli terreni. Qui sono dotato di poteri soprannaturali, totalmente irreligioso e di solito ostile alle creature umane. Questa apparente vita ideale, a volte è interrotta - perche' vengo ucciso dal Sudarsana chakra di Dio e ri-nasco come una creatura umana



HELLS

 

Hells=Inferni (Naraka) - sono i livelli più bassi nell'universo, sono luoghi di sofferenza dove si deve purificare lo specifico vikarma per un determinato periodo. I Yamadutas mi stanno portando da Yamaraja, il giudice della morte. Lui determinerà il tipo e lunghezza della mia punizione secondo il mio dharma sastras (compito sociale). Dopo che la mia punizione sara' scontata, rinascero' nel corpo di un animale. 

" l'essere vivente, può essere orgoglioso del proprio corpo, pensando di sé di essere un uomo molto importante, un ministro, un presidente o pari ad un semidio - essere celeste, ma qualunque cosa egli sia, dopo la morte questo corpo si trasformerà in vermi, o in ceneri. Se uno uccide dei poveri animali per soddisfare i capricci provvisori di questo corpo, non sa che soffrirà nella sua prossima nascita nascendo nel corpo di un animale e a sua volta sara' ucciso; per questo peccaminoso malvagio la sua destinazione e' l'inferno e deve soffrire dei risultati delle sue azioni."

 (SB 10.10.10)


YAMADUTAS

Yamadutas - "Quelli che hanno trascorso molti anni nel terribile inferno e non hanno avuto discendenti (che abbiano offerto regali) in loro favore a Yama."

 (Garuda Purana 2.18.34) 

Come un criminale è arrestato per punizione dai funzionari dello stato, cosi' una persona sorpresa in una gratificazione criminale dei sensi, viene similmente arrestata dagli Yamadutas che lo legano al collo con una corda forte e ricoprono il suo corpo sottile in modo da fargli subire una severa punizione. (SB 3.30.20)


YAMARAJA

Yamaraja - "Il Re dei pitas [gli antenati] è Yamaraja, il figlio molto potente del dio-sole. Lui risiede in Pitrloka coi suoi assistenti personali e, per eseguire le norme e regolamentazioni dettate dal Dio Supremo, ha i suoi agenti: i Yamadutas che immediatamente gli portano tutti gli uomini peccaminosi subito dopo la loro morte. Dopo averli portati all'interno della sua giurisdizione, lui li giudica personalmente secondo le loro specifiche attività peccaminose e li spedisce in uno dei molti pianeti infernali per le punizioni appropriate." (SB 5.26.6)


LORD ANANTA


IL SIGNORE ANANTA 

Approssimativamente 240,000 miglia sotto il pianeta Patala vive un'altra incarnazione della Personalità Suprema della Divinità. E' l'espansione del Dio Vishnu noto come Dio Ananta o Dio Sankarsana.

 è sempre nella posizione trascendentale, perché è adorato come il Dio Siva,

 la divinità di tamo-guna o l'oscurità.

  talvolta  viene chiamato tamasi. 

Dio Ananta è la Divinità che predomina in maniera primaria sulla materialita' dell'ignoranza ,(tamas) così come sull'ego falso di tutte le anime condizionate.

 Quando un essere vivente condizionato pensa, 

"io sono colui che gode, e questo mondo senz'altro deve essere goduto da me", 

questa concezione della vita è instillata in lui da Sankarsana. 

Così l'anima condizionata e mondana, pensa di essere il Dio Supremo. 

Questo grande universo, situato in uno dei migliaia dei mondi del Signore Anantadeva, appare solo come un seme di senape bianco. 

È infinitesimo comparato al luogo di Dio Ananta. Al momento della devastazione, quando Dio Anantadeva desidera distruggere la creazione intera, si arrabbia. Poi dai Suoi due sopracciglia appare Rudra dai molteplici occhi, armato di un tridente. (SB 5.25.1 - 3)


L'universo

L'Universo consiste di 8,400,000 specie di piante, animali e creature umane. 

Ci sono 900,000 specie che vivono nell'acqua. 
Ci sono anche 2,000,000 entità viventi che non si spostano (lo sthavara) 
come alberi e piante. 
Ci sono anche 1,100,000 specie di insetti e rettili. 
Ci sono 1,000,000 specie di uccelli. 
Cosi' come ci sono quadrupedi che sono di 3,000,000 varietà circa. 
Ci sono 400,000 specie umana. 
(Padma Purana) 

Io qui sono rinato come  un animale sottoposto ai guna (energia della materia) e la mia spontanea volontà fu sostituita dagli istinti. Gradualmente sarò elevato al livello umano e civile. Questo può prendermi molto piu' tempo per evolvermi, se vengo ucciso da creature umane ignoranti, mentre vivo nel corpo di un animale, perche' dovro' rinascere ancora come animale finche' non concludero' il mio ciclo in questi corpi.

CREATURE UMANE 

Le Creature umane in generale possono essere categorizzate in sei tipi generali secondo il loro avanzamento sociale, culturale e spirituale (Bhaktivinoda Thakura: Vaishnava-siddhanta-mala, ch.7): 



1) Le tribù non civilizzate come i Pulindas (gli aborigeni) ed i Sabaras (persone di montagna), ecc. 
"Kirata, Huna Andhra, Pulinda Pulkasa, Abhira Sumbha, Yavana, le specie delle regioni di Khasa ed anche altri che sono assuefatti da atti peccaminosi , possono essere purificati prendendo rifugio presso i devoti di Dio, per merito Suo possono essere purificati, essendo lui il Potere Supremo.

 Io lo imploro e gli offro i miei rispettosi omaggi." (SB 2.4.18) 


2) La specie civilizzata, ha una conoscenza materialistica molto sviluppata, sia nella scienza, sia nella produzione industrializzata;

loro non sanno cosa sia la condotta morale e il retto agire, né hanno  fede in Dio; queste sono le caratteristiche dei mlecchas (la specie dei mangiatori di carne, del sesso illecito, del godimento mondano illusorio, etc...) , ecc. 


"mio caro Thakura Haridasa, in questa età di Kali più persone sono ciechi alla cultura Vedica, e perciò vengono chiamati yavanas. Loro comprendono solamente la cultura brahminica e uccidono le vacche. In questa maniera essi prendono parte agli atti peccaminosi. (Caitanya-caritamrta, Antya 3.50) 


3) quelli che non hanno un Dio personale ma gradiscono la naturale bellezza del mondo materiale, come i buddisti, ecc. 
Il Dio all'inizio dell'era di Kali-yuga,  secondo questi esseri, apparve sotto le spoglie del Dio Buddha, il figlio di Anjana, nella provincia di Gaya ; ma solo per lo scopo di ingannare quelli che sono invidiosi del teista fedele." (SB 1.3.24) 

"Le sacre scritture del culto buddista sono basate principalmente su argomenti speculativi e sulla logica, e contengono nove principi principali. Poiche' Sri Caitanya Mahaprabhu li sconfisse nelle loro argomentazioni, essi non poterono stabilire il loro culto." 
(Caitanya-caritamrta, Madhya-lila 9.49) 


4) Quegli esseri le cui etiche sono dotate di una filosofia e la fede in un Dio immaginario, come i karma-vadis (adoratori dei vari deva, esseri celesti, ecc.) che nutrono la speranza di raggiungere i pianeti più elevati . Questo viene definito "immaginario"(illusorio), perché loro credono che i vari esseri celesti, demigods (deva) siano la Personalità Suprema della Divinità.). 


"Coloro la cui intelligenza è stata rubata da desideri materiali, si arrendono agli esseri celesti (deva, divinita') e seguono, ciascuno secondo la propria natura, le norme relative al loro credo."

 (BG 7.20) 

"Gli Uomini di scarsa intelligenza adorano gli esseri celesti, e ottengono frutti limitati e temporanei. Chi adora gli esseri celesti raggiunge i pianeti  celesti, ma i Miei devoti raggiungeranno alla fine il Mio pianeta supremo". (BG 7.23) 


5) Gli adoratori che accettano il vero Dio della Creazione, ma non compiono il servizio devozionale per Lui. 
"Le Persone che vogliono avanzare nella religione superiore vengono invitati a rinunciare ad ogni invidia sulle altre entità viventi, in relazione al corpo, parole o mente. Non c'è religione superiore a questa." (SB 7.15.8) 


6) Gli esseri ai quali piace il nirvisesa-vada (dottrina "dell'ultima" unicità impersonale), come il jnana-vadis (quelli che praticano il percorso di conoscenza spirituale  intellettualmente-alterato). 
La filosofia Mayavada è travestita di buddhismo.

 mio caro Devi, io [Shiva], nella forma di brahmana, lo insegnero' in Kali-yuga. " (Padma Purana, khanda di Uttara 25.7) 

"O Dio dagli occhi di loto, anche se i non devoti che accettano le austerità severe e le penitenze per realizzare la posizione più alta possono pensare di liberarsi, la loro intelligenza è impura. Loro precipitano in giù da questa posizione di immaginata superiorità, perché loro non hanno avuto rifugio e riguardo per i Tuoi piedi di loto. (SB 10.2.32)

 

 

GUNA E KARMA

 

Dopo essere nato fra le creature umane incivili io sarò elevato fra le specie civilizzate. I miei ulteriori progressi dipenderanno dai miei guna e dal mio karma. 



GUNA 

Natura materiale : La natura materiale e' formata da tre influenze: virtu', passione e ignoranza. O Arjuna dalle potenti braccia, quando l'essere vivente entra in contatto con la natura materiale subisce il condizionamento di queste tre influenze."  (BG 14.5) 

Sattva - " l'innocenza, la maniera della bontà, diventare il più puro, diventare illuminato, e liberato da tutte le azioni peccaminose." "O Arjuna senza peccato, l'influenza della virtu', che e' piu' pura delle altre, illumina l'essere e lo libera dalle conseguenze di tutte le sue colpe. Chi subisce il suo influsso e' condizionato da un senso di felicita' e di conoscenza."  (BG 14.6) 

Rajas - "L' energia della passione, è nata per i desideri illimitati e ardenti, o figlio di Kunti. Essa lega l'anima incarnata all'azione materiale e ai suoi frutti". (BG 14.7) 

Tamas - "O discendente di Bharata, sappi che l'influenza delle tenebre, nata dall'ignoranza, e' causa d'illusione per tutti gli esseri incarnati. La pazzia, l'indolenza e il sonno, che legano l'anima condizionata, sono il risultato di questa influenza". (BG 14.8)


KARMA 


Bhakti - "In questa Età di Kali, le persone che sono dotate di intelligenza sufficiente adoreranno Dio che è accompagnato dai Suoi devoti attraverso il sankirtana-yajna [salmodiare insieme i nomi santi di Dio]. " (SB 11.5.32) 

"Le Pratiche trascendentali che non aiutano a rendersi conto della Personalità Suprema di Dio, sono inutili, sia la loro pratica mistica di yoga, sia lo studio analitico della questione, l'austerità severa, l'accettazione del sannyasa o lo studio della letteratura Vedica. Tutti questi possono essere aspetti molto importanti per l' avanzamento spirituale, ma a meno che uno no capisce la Personalità Suprema della Divinità, Hari tutti questi processi sono inutili." (SB 4.31.12) 


Jnana - "Nessuna attività religiosa dotata dell'onestà e della misericordia, né le conoscenze ottenute con le grandi penitenze possono purificare completamente la coscienza di qualcuno, se loro sono ciechi al servizio di amore (devozionale) a me." (SB 11.14.22) 

"I sette grandi saggi [Marici, Vasistha Atri e così via] risiedono sui pianeti sotto Dhruvaloka. Ben consapevoli dell'influenza dell'acqua del Gange, in quei giorni essi bagnano nel Gange i capelli delle loro teste. Loro hanno concluso che questa è l'ultima ricchezza, la perfezione di tutte le austerità ed il miglior modo di seguire la vita trascendentale. Avendo mantenuto ininterrotto il servizio devozionale alla Personalità Suprema di Dio, loro trascurano tutti gli altri processi che diano beneficio, come la religione, lo sviluppo economico la gratificazione dei sensi ed anche la fusione nel Supremo. Nel momento in cui i jnanis pensano che unirsi nell'esistenza di Dio sia la verità più alta, queste sette personalità elevate accettano il servizio devozionale come la perfezione della vita." (SB 5.17.3) 




Yoga - "In questo modo, essendo purificato da sacrifici rituali, il cuore di Maharaja Bharata era completamente incontaminato. Il suo servizio devozionale a Vasudeva, Dio Krsna, aumentò un giorno dopo l'altro. Dio Krsna, il figlio di Vasudeva è la Personalità originale della manifestazione della Divinità come Grande-Anima [Paramatma] così come l'impersonale bramano. Gli Yoghi meditano sul Paramatma localizzato situato nel cuore, i jnanis adorano l'impersonale bramano come la Verità Assoluta e Suprema, ed i devoti adorano Vasudeva, la Personalità Suprema di Dio, il cui corpo trascendentale è descritto nel sastras. Il suo corpo è decorato con lo Srivatsa, i Kaustubha lo ingioiellano con una ghirlanda floreale, e le Sue mani contengono una conchiglia conchshell, disco, bastone e fiore di loto. Ai devoti e' caro Narada pensano a Lui all'interno dei loro cuori." (SB 5.7.7) 


Karma - " i Karmis sono ansiosi di accumulare ricchezza per la loro gratificazione dei sensi, ma per ottenere i loro scopi, devono lavorare molto sodo; ed anche lavorano duramente, i risultati non saranno mai  soddisfacenti. Il loro lavoro dà luogo solamente, a qualche frustrazione. Ma i devoti che hanno dedicato le loro vite al servizio di Dio possono realizzare risultati sostanziali senza lavorare molto sodo. Questi risultati eccedono le aspettative" del devoto. (SB 8.5.47) 

Vikarma -" Suta Gosvami disse: Maharaja Pariksit, mentre era così petizionato dalla personalità di Kali, diede permesso di risiedere in luoghi dove giocavano d'azzardo, dove si beveva, dove c'era la prostituzione e avveniva la macellazione degli animali." (SB 1.17.38) 

"Se un essere umano ha preso parte in attività peccaminose, irreligiose, sia a causa della cattiva compagnia o a causa del suo fallimento di controllare i propri sensi, tale persona certamente svilupperà poi una personalità piena di desideri materiali. Questo essere diviene molto misero verso gli altri, avido e sempre ansioso di godere dei corpi delle donne. Quando la mente è inquinata, si diventa violento ed aggressivo e senza l'autorità delle ingiunzioni vediche, si permette la macellazione di animali innocenti per la gratificazione dei sensi. Come Fantasmi (Worshiping) e spiriti, la persona sconcertata precipita pienamente nella presa delle attività non autorizzate e così va all' inferno, dove riceve un corpo di materia infettato dalle energie più scure della natura. In tale corpo degradato, lui continua sfortunatamente a compiere attività inaudite che gradualmente aumentano la sua infelicità futura, e perciò lui accetta di nuovo un corpo di materia simile. Quale possibile felicità può esserci per uno che prende parte in attività che terminano inevitabilmente nella morte ? " (SB 1.10.27-29)


Per quelli che sono sul livello della vita Vedica, i dharma sastra (sacre scritture sul dharma) offrono la definizione del comportamento corretto che conduce all'elevazione; e alcune deviazioni chiamate vikarma (karma negativo, degradante). 

 

Permettetemi ora, di esaminare le motivazioni che dirigono la mia vita e che determineranno la scelta della  mia ulteriore destinazione: 

vedi tavola; secondo la prevalenza del guna nel jiva, egli si reincarnera' in un luogo specifico alla relativa energia (sattva , raias o tamas) che avra' svillupato.

 

(per tamas, ci sono soltanto 3 luoghi : inferno, animali e fantasmi, ossia "hells, animal, ghost")

vedere la descrizione dei luoghi riportati sopra 

 

sattva

rajas

tamas

Vikarma Bhurloka(la peggiore nascita umana (inferno animali fantasmi)
KarmaSvargaBila-svarga Burloka(inferno animali fantasmi)
JnanaBrahman,Sunya Bhurloka (la migliore nascita umana) (inferno animali fantasmi)
YogaMuniloka, Hari dharmaBhurloka Bhuvarloka(inferno animali fantasmi)
BhaktiHari-dhamaSvarga, Mahesa-dhama(inferno animali fantasmi)

 



Il processo dell'elevazione sul percorso del ritorno a casa, il ritorno alla Divinità, e' diverso di yuga in yuga (eta' - ere cosmiche) come in ogni yuga il suo specifico yuga-dharma ha la base nella bhakti.

 


Kali-yuga 

SB 2.2.15-31 descrive il percorso dal punto di vista dello yoga (Satya-yuga-dharma), SB 7.15.54-55 dal punto di vista dello yajna (Treta-yuga-dharma), BG 8.23-27 dal punto di vista di upasana (Dvapara-yuga-dharma) e Brhad Bhagavatamrta, parte 2, dal punto di vista di harinama-sankirtana (Kali-yuga-dharma, il processo dell'età corrente). 

Dharma - "Lo Yamaduta rispose: Cio' che è prescritto nei Veda costituisce dharma, i principi religiosi, e l'opposto di questo è l'irreligione. I Veda sono direttamente la Personalità Suprema di Dio, Narayana, nati da se stessi. Questo noi abbiamo sentito da Yamaraja." (SB 6.1.40) 

"L'occupazione suprema [il dharma] per ogni umanità , e' quella dal quale gli uomini possono raggiungere amando il servizio devozionale al Dio trascendente. Il Servizio devozionale deve essere motivato ed ininterrotto per soddisfare completamente lo stesso." 
(SB 1.2.6) 

 - Liberamente estratto e tradotto da: Veda (in inglese) _

 


 


 
Comments