Cosa succede al nostro cervello quando Facebook, Instagram e Whatsapp smettono di funzionare

Nell’ultimo mese due breakdown dei server hanno messo al tappeto Facebook, Instagram e Whatsapp e i mezzi di comunicazione e condivisione più diffusi al mondo hanno smesso di funzionare contemporaneamente per ore.

Pensate a come vi siete sentiti quando ve ne siete accorti: crisi nera o senso di libertà?

I sentimenti sono contrastanti perché ci si trova davanti a un fenomeno che porta riflessioni profonde sul modo in cui viviamo. In altre parole, nelle ore di blocco ci si rende conto che senza questi mezzi siamo costretti a vivere la realtà del presente.

Vi spieghiamo cosa succede al cervello quando i maggiori social network smettono di funzionare.

La prima reazione è l’allarme

Si continuano ad aggiornare le varie pagine ma non succede niente.

La rotella di caricamento della conversazione con la migliore amica su Whatsapp continua a girare e intanto cominciamo a chiederci se a non funzionare sia il nostro telefono, il wifi di casa, la rete cellulare o le App.

Chiudi le App, disattivi il wifi, spegni e accendi la connessione dati e il telefono.

E poi adesso come potremo comunicare?

Insomma nel nostro cervello sta scattando l’allarme perché c’è qualcosa della nostra quotidianità che si è fermato e che non sappiamo come sostituire.

Crisi di astinenza

Se il tempo di blocco dei social è prolungato, potreste provare sintomi simili all’astinenza dalle sostanze stupefacenti. Nervosismo, irritazione, cattivo umore e quella sensazione legata al pensiero di perdersi qualcosa.

Ci si sente disconnessi dal resto del mondo e per questo isolati.

Cosa starà succedendo là fuori?

Quante volte avete provato a riaprire l’app per vedere se aveva ripreso a funzionare?

Continua a leggere su GRAZIA.IT

http://bit.ly/2UFI1UJ

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.