Clima: un report delle Nazioni Unite propone tassa sul consumo di carne

L’utilizzo della leva fiscale sul consumo di carni rosse può contribuire a salvare il mondo dal riscaldamento climatico. Il rapporto “UN’s Global Environment Outlook (GEO)” delle Nazioni Unite sullo stato dell’ambiente nel mondo suggerisce, infatti, l’introduzione di un tributo sul consumo delle carni come strumento per compensare le esternalità negative, in questo caso l’inquinamento prodotto dagli allevamenti, con un taglio netto delle emissioni. Riguarda il tema della tassazione delle carni rosse e lavorate anche una recente ricerca internazionale che, sulla base di alcuni dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, propone l’introduzione di una Red Meat Tax per la salute con l’obiettivo di limitare l’impatto di alcune malattie croniche.

La proposta delle Nazioni Unite e la temperatura del mondo 

Il rapporto non indica soglie di reddito o aliquote di tassazione, ma piuttosto delinea un approccio fiscale alla questione dell’inquinamento prodotto dall’allevamento degli animali. Secondo il documento delle Nazioni Unite “applicare una Emissions Tax sul cibo sul consumo può essere preferibile rispetto a una tassazione applicata direttamente sui produttori”. Questo sia perché è particolarmente costoso monitorare le emissioni del settore primario, sia perché – sostiene il rapporto – sono numerose le opportunità offerte ai consumatori per passare dal consumo di cibi la cui produzione ha un elevato impatto ambientale ad alimenti “ecosostenibili”. Secondo il rapporto, che cita alcune ricerche di settore, l’introduzione di questo tipo di Emissions Tax potrebbe avere un impatto considerevole, con una riduzione globale delle emissioni equivalente – perché le emissioni possono essere anche di altri gas, come il metano – a un miliardo all’anno di tonnellate di anidride carbonica (in termini tecnici “gigatonnellata”).  Che il riscaldamento climatico sia un problema reale lo confermano anche gli ultimi dati diffusi da un’organizzazione come la Nasa. In base al comunicato stampa diffuso a febbraio di quest’anno il 2018 è stato il quinto anno più caldo dal 1880. Dagli anni ’80 dell’Ottocento – spiega la nota – la temperatura media è cresciuta di una media di un grado centigrado. Il riscaldamento è stato spinto in gran parte dall’aumento delle emissioni di anidride carbonica e di altri gas serra nell’atmosfera causati dalle attività umane, come l’allevamento.

http://bit.ly/2uWx41W

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.