Cielo di aprile 2019: occhi all’insù

Sarà davvero stupendo il cielo di aprile 2019. Si potrà infatti ammirare la Luna Rosache ci si sarà il 19 ovvero nel giorno del venerdì santo e lo sciame di meteore “Liridi” per la serata di Pasquetta che sarà il 22. Il cielo di aprile, inoltre, sarà costellato di meravigliose congiunzioni astrali.

La bellissima Luna rosa di aprile e le congiunzioni astrali

Tale termine è quello che i nativi americani ed in particolar modo la tribù degli Algonchini diedero alla luna di aprile a causa del muschio rosa. Quest’ultimo era un fiore molto diffuso in America e fioriva prima degli altri.

Ad aprile vi saranno inoltre bellissime congiunzioni astrali come nella serata del 9 aprile quando la Luna crescente incontrerà Marte (nel cuore della costellazione del Toro) nel cielo occidentale. Tale incontro sarà davvero suggestivo in quanto vicino ai due corpi celesti si potrà non solo ammirare la stella Aldebaran ma anche l’ammasso aperto delle Pleiadi. Nella notte tra il 22 ed il 23 aprile, invece, la Luna duetterà con Giove mentre nella notte tra il 24 ed il 25 aprile con Saturno.

Il 19 aprile ed esattamente alle ore 13.12 la Luna raggiungerà la fase di plenilunio chiamato anche Luna Rosa.

Lo sciame di meteore di aprile nonché i pianeti

La notte di Pasquetta e quindi il 22 aprile ci sarà lo sciame meteorico delle Liridi. Chi è appassionato di fiammate in tale nottata potrà vederne 15-10 all’ora che saranno prodotte dai detriti e dalle polveri lasciate dalla cometa G1 Thatcher. Tra i pianeti visibili nel mese di aprile, invece, ci sarà Marte, visibile di sera nel cielo occidentale. Nel cielo orientale, invece, tra la seconda parte della notte e l’alba alzando gli occhi verso il cielo, si potranno scrutare Giove e Saturno. Urano, invece, non potrà essere visto mentre Nettuno con un buon telescopio si potrà scrutare ad Est ma poco prima che sorga il Sole.

Per quanto concerne le costellazioni, infine, si potrà ancora scorgere quella di Orione con le stelle Rigel e Betelgeuse che hanno dominato il cielo dell’inverno ma anche i Gemelli con Polluce e Castore.

Nel cielo orientale, invece, sorgerà Vega che è la stella più luminosa del cielo estivo nella costellazione della Lira insieme ad Arturo del Bootes che si trova invece nella costellazione del Bifolco.

FONTE: INVESTIREOGGI.IT

http://bit.ly/2TWzuHO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.