Tarassaco, tonico di primavera

Tra le erbe che annunciano la primavera c’è il tarassaco che col suo sapore spiccato, leggermente amarognolo, e il bel colore verde, non solo arricchisce i piatti di gusto ma regala anche un’azione depurativa e disintossicante

Tutti conoscono i fiori gialli e i soffioni che questa pianta dei prati produce nella primavera inoltrata, ma per l’uso alimentare occorre raccoglierla prima della fioritura. Il sapore amarognolo del tarassaco arricchisce le altre verdure a foglia come lattuga e spinaci o bietola per misticanze crude o cotte.

Proprietà del tarassaco

Il tarassaco contiene oltre ai salutari flavonoidi, ottime quantità di vitamina A, B1, B2 e C. depurativo, disintossicante, diuretico, è ideale per le diete primaverili, sia ipocaloriche che per eliminare tossine. Stimola delicatamente la produzione di bile, aiutando fegato e intestino nelle difficoltà digestive.

Consigli per l’acquisto

Il tarassaco è diffusissimo nei campi, è però da evitare la raccolta spontanea se c’è rischio di inquinamento, in quanto è una delle erbe che assorbe maggiormente piombo. In questo periodo si può trovare anche in vendita, come cespo verde, “immaturo”, senza fiori. Le foglie devono essere umide al tatto, integre, senza macchie brune, in particolare lungo la parte chiara centrale, che dal momento indicherebbero un lungo tempo trascorso dalla raccolta.

CONTINUA SU CUCINA-NATURALE.IT

https://ift.tt/2FAxuj9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.