Una delizia per chi mangia la carne

 

Dawson Avenue, Brighton, martedì 25 giugno 1974,

Quando Srila Prabhupada arrivò in visita a Melbourne, Dipak si offrì volontario per cucinargli il pranzo. Ma ecco Dipak, di solito un bravo cuoco, che quel giorno non si sentiva per niente sicuro di sè. Era nervoso, aveva fatto cadere del burro sul pavimento, i chapati gli erano caduti dal fornello e il latte era travasato dalla pentola. Poi notò che Srila Prabhupada stava all’entrata della cucina.

Prabhupada, in piedi a torso nudo dopo aver fatto il bagno, stava sorridendo mentre osservava i tentativi di Dipak di cucinare il pranzo. Tornato nella sua stanza, Srila Prabhupada applicò con grande attenzione i sacri segni del tilaka vaisnava e con il capo leggermente reclinato all’indietro recitò le preghiere del Gayatri mantra di mezzogiorno.

Nel frattempo, Dipak stava concludendo una mattinata molto caotica in cucina. Versò rapidamente del succo di limone nella pentola del riso basmati fumante, ne prese una bella porzione, riaggiustò le ciotole di dahl e di verdure, prese un paio di chapati caldi e corse con il piatto nella stanza di Prabhupada.

Prabhupada era seduto su un cuscino basso dietro il suo tavolo in vetro, il pavimento era coperto da una stoffa bianca. Annuì in segno di apprezzamento mentre Dipak posava il piatto sul tavolo, poi Dipak offrì i suoi omaggi e uscì rapidamente.

Sentendosi sollevato per il  fatto che il pranzo era in orario, Dipak tornò in cucina per ripulirla dalla devastazione. In particolar modo sperava che Srila Prabhupada avesse apprezzato il riso. Di recente aveva anche sentito, ma non riusciva a ricordare da chi, che a Prabhupada piaceva il riso con il succo di limone.

Satsvarupa Goswami, il segretario di Prabhupada, interruppe il suo fantasticare:“Dipak! Srila Prabhupada vuole vederti.” Dipak si pulì le mani e si precipitò nella stanza.

Prabhupada lo guardò in modo inquisitivo. “Qual è il problema con questo?” indicando la collinetta di riso che era nel suo piatto. “È acido!” Dipak si avventurò in una risposta. “Oh … ehm … ho messo del succo di limone, Srila Prabhupada.” Prabhupada sembrava deluso. Dipak offrì subito di cucinare dell’altro riso.

“No”, rispose Srila Prabhupada. “Porta un po ‘di latte e dello zucchero.”

Srila Prabhupada cosparse di zucchero tutto il riso, versò il latte e lo prese come dessert. Dopo pranzo, Prabhupada chiamò di nuovo Dipak nella sua stanza: “Domani ti insegnerò a cucinare.”

Il giorno seguente Srila Prabhupada entrò in cucina  a circa metà mattina. Nonostante il freddo inverno di Melbourne, il sole brillava attraverso le finestre della piccola cucina. Prabhupada rimase in piedi senza maglia, la sua pelle morbida e dorata risplendeva.  Appariva serio; il suo era il tono di un insegnante. Informati, i devoti sbirciarono dalla porta del retro e attraverso le finestre per assistere all’emozionante evento.

Prabhupada diresse con perizia l’intera scena. Passo dopo passo e in modo pratico, insegnò l’arte di una cucina senza tempo: “Taglia in questo modo … aggiungi questo … friggi così …” Per tutto il tempo, Prabhupada cucinò con silenziosa concentrazione, pulendo il fornello e il lavandino dopo ogni utilizzo e controllando periodicamente il suo orologio da polso.

I cavolfiori bianchi e croccanti e i cubetti di patate dal color crema venivano tagliati della stessa misura. Poi furono messi in un compartimento della sua lucida pentola in ottone a tre livelli, la stessa che aveva portato in America nel 1965, che venne messa su una piccola stufa quadrata. Il riso e l’acqua furono messi in un altro compartimento; il mung dahl, l’acqua e la curcuma nel terzo.

“La curcuma”, sottolineò Prabhupada, “è un purificatore del sangue.”

Oggi avrebbe mostrato a Dipak un ricco e speciale piatto di verdure. Disse a Dipak di tagliare le melanzane in cubetti molto grandi, di quasi cinque centimetri di lato. Anche il panir che Dipak aveva preparato in precedenza, era stato tagliato in pezzi di dimensioni simili. Le patate erano state tagliate solo leggermente più piccole. Tutti gli ingredienti furono fritti in piccole quantità nella padella con del ghi caldo. Prabhupada sottolineò che il panir doveva essere cotto fino che fosse diventato marrone scuro. In cucina non c’era un’atmosfera frivola, si  parlava  in modo serio e si sentivano solo le sue istruzioni.

L’impasto dei chapati che aveva preparato Dipak era troppo secco, così Srila Prabhupada ne fece un altro che poi immerse in una ciotola d’acqua. Con l’acqua e impastando un po’  più di farina, Prabhupada indicò la giusta consistenza: “Morbido come il lobo del tuo orecchio”, disse, e strinse il suo orecchio sinistro per darne una dimostrazione.

Quando i cubetti di verdure e di panir furono tutti fritti, Srila Prabhupada scaldò un po’ di burro chiarificato in una casseruola e aggiunse con perizia dei semi di cumino e del peperoncino frantumato. Mentre le spezie soffriggevano, aggiunse dell’assafetida , della curcuma e un po’ di pomodoro fresco tritato.

La padella sfrigolava, specialmente quando Prabhupada versò alcune tazze di siero di latte fresco, che era il residuo liquido del panir.  Poi aggiunse le patate, i cubetti di panir, e poi le melanzane e il sale. Infine fece bollire lentamente il tutto.

Poi in un’altra padella aggiunse del burro, delle spezie, le patate e il cavolfioree poi li fece stufare brevemente, e versò un po’ d’acqua per formare un sugo che si raddensò e formò una patina sfrigolante. Il burro chiarificato fu scaldato in una piccola padella, e il cumino, il peperoncino e tutti i semi di coriandolo vennero soffritti, dorati e versati scoppiettanti nel dahl.

Srila Prabhupada alla fine tolse tutti i semi delle spezie dal siero di latte, poi andò a fare il massaggio e il bagno.

Dopo il bagno rientrò in cucina e preparò i primi chapati che senza fallo si gonfiarono tutti, emettendo dei piccoli sbuffi di vapore quando raggiungevano il punto di scoppio. Tutto  era stato cucinato in esattamente un’ora e mezza, compreso il massaggio e il bagno. Alla fine Srila Prabhupada si sedette, completò la lezione di cucina e si preparò a pranzare.

Indicando gli scuri e succulenti grossi pezzi di formaggio panir, che ora erano gonfi e succosi per la lenta bollitura, sorrise e alzò lo sguardo verso Dipak. “Dovresti cucinare questo piatto per chi mangia la carne. Lo apprezzeranno molto. È una ‘delizia per chi mangia la carne’.”

Per i cuochi della sede di Melbourne della Società Internazionale della Coscienza di Krishna, quello fu un momento culinario storico.

(dal libro di Kurma das, The Great Transcendental Adventure)

The post Una delizia per chi mangia la carne appeared first on VaisnavaLife.com.

https://ift.tt/2TWXP4a

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.