Il 9% dei consumatori italiani sceglie cosmetici green

E proprio perché si avvicina Carnevale, sai cosa spalmi sul viso del tuo bambino? Se a Carnevale ogni scherzo vale, questo non conta per la nostra salute e per quella dei nostri piccoli. Facciamo molta attenzione a trucchi e cosmetici prima di acquistarli e se li abbiamo già in casa controlliamone la composizione.

R&M

Oltre a detenere il record di numero di patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, il Bel Paese detiene il 60% della produzione mondiale di cosmesi, con un fatturato che nel 2017 ha sfiorato gli 11 miliardi di euro, grazie anche alle esportazioni in costante aumento (+7,1% nel 2017 per un valore di 4.617 milioni di euro).

Un comparto assai caro all’economia italiana, quello della cosmesi, che negli ultimi anni è stata il terreno di non poche battaglie ecologiste, una su tutte l’emendamento approvato e contenuto nella manovra di bilancio che a partire dal 2020 abolirà i prodotti di cosmesi e di igiene personale da risciacquo con all’interno microplastiche. Verso un futuro più sostenibile e attento alla salute sembrano guardare anche i consumatori: un’indagine di Cosmetica Italia ha rilevato infatti che 950 milioni di euro del fatturato del 2017, pari al 9% dei ricavi totali del comparto in Italia, proviene dalla vendita di cosmetici eco-friendly, privi, tra le varie cose, dei tanto discussi petrolati, le strane sigle (Paraffinum liquiduum, Mineral Oil, Mycrocrystalline Wax, eccetera) riportate sul retro dei cosmetici alla voce ‘INCI’.

…continua su (clicca qui)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.