Stranezze natalizie dal mondo

Sotto Natale in ogni Paese tornano tradizioni che sono un mix di credenze religiose, popolari, usanze contadine influenzate più o meno dalla modernità. Molte hanno radici antiche, qualcuna viene tenuta in vita per attirare i turisti, certamente sono tutte molto diverse. Ecco una raccolta di alcune delle tradizioni natalizie più strane, partendo dalle più spaventose fino alle più divertenti.

Il Krampus: incubo prima di Natale

Cominciamo con un momento che precede il Natale: siamo nella notte tra il 5 e 6 dicembre e si ricorda san Nicolò (o san Nicola), un vescovo turco vissuto nel 3. secolo d.C. E sembra che sia proprio a lui che dobbiamo la figura di Babbo Natale, il Santa Claus sbarcato negli Stati Uniti assieme alle popolazioni nordeuropee che lì migrarono alla fine dell’800. Nel corso dei secoli Babbo Natale – che ha ormai soppiantato altre figure (a cominciare da Gesù bambino) e altri santi (come Santa Lucia) che tradizionalmente portavano regali ai bimbi – ha però perso per strada il Krampus, una sorta di diavolo, soggiogato per tutto l’anno dalla forza del santo, ma che per quella notte è libero di scappare per punire e spaventare i bambini e gli adulti cattivi. Ancora oggi lo si ricorda però in diverse zone di lingua tedesca, specialmente in Austria, nel sud della Germania ma anche in Repubblica Ceca, in Slovenia e nel nostro Sud Tirolo e Friuli. In quei luoghi è ancora usuale che i bambini, accanto a qualche regalo, trovino una piccola fascina di legnetti o un po’ di carbone, a ricordare il dovere di comportarsi meglio durante l’anno a venire. E molti sono i luoghi dove il Krampus viene rappresentato nel corso di sfilate per le vie delle cittadine con maschere spaventose intagliate nel legno che terrorizzano i più piccini.

Lo scheletro di cavallo che canta

 In alcune zone del Galles nel periodo natalizio si aggira per le strade il Mari Lwyd, un teschio di cavallo sostenuto da un palo coperto e agghindato in vario modo, sotto il quale si nasconde il portantino. Assieme ai compagni che lo seguono si fermano davanti alle porte delle case cantando finché i proprietari non li fanno accomodare offrendo loro da bere e mangiare.

Lo scricciolo morto

 La tradizione del Mari Lwyd ha probabili origini celtiche, così come quella del Wren Day, sopravvissuta in particolare a Dingle, nella contea di Kerry, in Irlanda, dove si è addirittura trasformato in un Festival. Il giorno del Wren, il giorno dello scricciolo, si celebra subito dopo Natale (il nostro Santo Stefano): il fantoccio di uno scricciolo morto, che rappresenta l’anno vecchio, viene fatto girare per le strade del paese, dando vita a un corteo di “Wren Boys”, ragazzi travestiti con costumi di paglia, che cantano filastrocche e marciano.

Il posto per i parenti scomparsi 

Nel nord del Portogallo, al tavolo della Consoada, la tipica cena della vigilia, si usa conservare un posto ai familiari recentemente scomparsi, oppure lasciare per loro la tavola imbandita e la luce accesa per tutta la notte.

Il ragno gentile

In Ucraina una delle leggende legate al Natale racconta di un ragno che, mosso a compassione dai lamenti di una povera signora vedova che non aveva soldi per decorare l’albero, decide di intessere una tela per abbellirlo. Oggi in commercio si trovano in effetti piccoli ragni con la ragnatela, dorati e luccicanti, da appendere all’albero di Natale.

Il Cetriolo di Natale

Anche negli Stati Uniti si usa appendere qualcosa di strano sull’albero: un cetriolo. Si dice che sia un’usanza importata dalla Germania, forse dalla regione della Sprea, dove vengono coltivati i cetrioli tipici della regione, e che siano inizialmente stati eletti come ornamento per l’albero di Natale in mancanza di scelte migliori. Nel 2016 l’agenzia YouGov ha però intervistato più di 2mila tedeschi e il 91% ha detto di non aver mai sentito parlare di questa tradizione.

In ogni caso, oggi negli Stati Uniti il Cetriolo di Natale è diventato un oggetto di consumo, se ne producono di ogni foggia e si appendono all’albero come una normale pallina. La tradizione vuole poi che la mattina del giorno di Natale ci si sfidi cercando il cetriolo appeso e chi lo trova avrà fortuna e il diritto a un regalo.

Hai monete per il Pudding?

Il Christmas Pudding è un dolce che viene preparato in Inghilterra nel periodo natalizio con frutta secca, frutta candita, rum e spezie. Sul fondo del piatto o all’interno vengono nascoste delle monete, originariamente una moneta d’argento da 6 penny, oggi di solito 5 penny, che porta fortuna a chi la trova (senza mangiarsela). A volte si inseriscono anche altri oggetti, ognuno dei quali simboleggia qualcosa, per esempio un bottone, se viene trovato da un uomo single vuol dire che rimarrà single anche l’anno successivo. La tradizione in questi anni si sta un po’ perdendo, anche se sul web si trovano diverse ricette.

Il Caga Tiò e il Caganer

La tradizione che vince su tutte per stranezza, ed è anche la prima ad essere nominata quando si parla di tradizioni curiose, si trova in Catalogna: si tratta del Caga Tiò, un ceppo di legno – che nella versione moderna ha anche occhi e bocca – che viene tenuto a casa, accudito e coperto, fino al giorno di Natale, quando viene obbligato a… defecare dolci per i bambini della famiglia. Per “stimolarlo”, i bambini gli cantano una canzoncina in cui gli chiedono di “produrre” dolci e lo minacciano di prenderlo a bastonate se non lo fa.

Sullo stesso tema in Catalogna ci sono anche i Caganer, statuine satiriche che si usa mettere nel presepe, simili a quelle nostre del presepe napoletano. Come si intuisce dal nome, sono riprodotte nell’atto di defecare. Originariamente il soggetto rappresentato era un abitante delle campagne, ma l’intento satirico ha preso il sopravvento e oggi si trovano Caganer che rappresentano ogni tipo di categoria sociale e – ovviamente – soprattutto politici, non solo spagnoli.

In copertina:
Il Krampus al Mercatino di Natale in Salisburgo (Krampus run in Salzburg © http://bit.ly/1EHpSlF)

http://bit.ly/2rTvxIu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.