Caporalato, prima passata di pomodoro NoCap

Caporalato, prima passata di pomodoro NoCap

Dare al consumatore la possibilità di scegliere un prodotto certificato per il suo valore etico, contribuendo allo stesso tempo a sensibilizzare compratori e produttori e, dall’altra parte, a mettere pressione sulla grande distribuzione, “quella che oggi decide i prezzi di mercato”. Con questi obiettivi Yvan Sagnet ha fondato, nel 2017, l’associazione NoCap che oggi ha eseguito la sua prima attività di controllo e apposto il suo primo bollino sulla prima passata di pomodoro etica in Italia. Sei mani, questo il simbolo, ognuna delle quali rappresenta uno dei principi cari all’associazione: etica, utilizzo di energie rinnovabili, limite alla produzione dei rifiuti, principio della filiera corta, lotta ai maltrattamenti sugli animali e quello che hanno ribattezzato “il valore aggiunto”, ossia la capacità dell’azienda di commercializzare anche i derivati dei prodotti che coltivano.
Sagnet ha alle spalle anni di militanza a sostegno dei diritti degli immigrati sfruttati nei campi del sud Italia, ma non solo, da quando nel 2011, lui stesso vittima del caporalato, ha guidato la rivolta dei braccianti di Nardò.

CONTINUA A LEGGERE SUL FATTO QUOTIDIANO

https://ift.tt/2RW2jVc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.