Reale e irreale

28/09/2018
 Risultati immagini per reale e irreale
Dal tuo punto di vista potresti pensare che io viva in un mondo
immaginario, fiabesco; e questo perché qualsiasi cosa tu pensi sia reale, io la
ritengo irreale. Dunque, è naturale che qualsiasi cosa io ritenga reale, a te
sembri irreale.          
D’altra parte io ho un vantaggio che tu non hai, ovvero: io ho vissuto
nella tua realtà, nella tua cosiddetta realtà. Conosco entrambe, mentre tu ne
conosci una sola.
Io mi trovavo dove vi trovate tutti voi, per cui conosco la vostra realtà, e
adesso conosco la mia. Mi trovo dunque in una situazione migliore da cui
stabilire cosa sia reale e cosa sia irreale. Voi conoscete una sola condizione,
non conoscete lo stato dell’essere in cui vivo. Dunque, anziché giudicare,
fermati un attimo e raggiungi anche tu questo stato. A quel punto sarai
assolutamente libero di giudicare.
Occorre tuttavia notare che chiunque abbia raggiunto questo stato non ha
mai detto che il vostro mondo è reale. Il vostro mondo è maya: irreale,
illusorio. Per giudicare devi conoscere entrambe le dimensioni; solo a quel
punto puoi fare un confronto. Non puoi stabilire alcunché, conoscendone solo
una, come potresti?
Osho: The Discipline of Transcendence, VOL. 4 CAP. 6


Source: Arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.