NESSUN ALTRO È RESPONSABILE

25/08/2018
 61 # Nessun altro responsabile
“Se soffri, è per causa tua, se sei felice, è a causa tua.
Nessun altro ne è responsabile – solo tu e tu soltanto.
Tu sei il tuo inferno e il tuo paradiso.”
Raggiungi la suprema passività
e attieniti ai principi della quiete.
Mentre la miriade degli esseri prende forma
e si dibatte nell’azione,
io contemplo il loro ritorno al riposo;
sono come vegetazione che fiorisce rigogliosa
e poi ritorna alle radici (terra) da cui è nata.
Tornare alle radici è il Riposo,
ciò vuol dire tornare al proprio destino.
Tornare al proprio destino significa scoprire la Legge Eterna,
conoscere la Legge Eterna è illuminazione.
E colui che ignora la Legge Eterna
agisce da stolto e richiama sciagure.
Così si espresse Lao-tzu sulla conoscenza della Legge Eterna. La morte è
l’origine: vieni dalla morte e alla morte ritorni. La vita è un semplice
intervallo tra due nulla, un fuggevole battito d’ali tra due dimensioni di nonessere.
Cerca di comprendere alcune cose. Innanzitutto, la suprema passività. La
morte è passività suprema. Se vuoi imparare a morire – ed è lo stesso
processo che ti insegna a vivere, poiché non sono due arti distinte, ma la
stessa –, devi imparare a essere in assoluta passività.
Perché Lao-tzu parla di suprema passività? La semplice passività non
sarebbe sufficiente? La parola “suprema” indica una cosa precisa: quando
entri nella passività, per riuscirci compi sforzi tremendi perché non sai come
essere passivo. Suprema passività indica il momento in cui non esiste più il
minimo sforzo per essere passivo: solo allora è suprema ed è il punto più
profondo a cui può condurti la meditazione.
Impara a essere passivo. Non insistere nel voler fare sempre qualcosa,
lascia talvolta che le cose accadano. In realtà tutte le grandi cose accadono,
non dipendono mai dall’azione.
L’amore accade, non puoi produrlo; la meditazione accade, non può
essere opera tua; il rilassamento accade, non puoi essere tu a provocarlo.
… e attieniti ai principi della quiete.
Se sarai passivo, entrerai in un profondo silenzio, nella calma assoluta,
nella quiete. Se riesci a essere passivo, un po’ alla volta diverrai consapevole

del centro che è in te. Lo hai sempre portato con te, è sempre stato presente;
semplicemente non lo conosci, non gli dai la tua attenzione.
Quando diventi consapevole di questo centro, la vita intera si trasforma:
puoi rimanere nel mondo e al tempo stesso esserne fuori, perché sei sempre
in contatto con il tuo centro. Puoi camminare imperturbato in mezzo a un
terremoto, poiché niente ti sfiora.
Mentre la miriade degli esseri prende forma
e si dibatte nell’azione,
io contemplo il loro ritorno al riposo.
Lao-tzu dice: “Io guardo, osservo la vita, e vedo cosa succede”.
… sono come vegetazione che fiorisce rigogliosa
poi torna alle radici (terra) da cui è nata.
Ogni cosa ritorna alle origini. Un nuovo seme germoglia, quando arriva la
primavera fiorisce in tutta la sua gloria, e un giorno ritorna alla sorgente – il
cerchio si completa, il seme scompare di nuovo nella terra. L’uomo non è
diverso, non esistono eccezioni.
Tornare alle radici è il Riposo.
La vita è attività, azione, la morte è passività. È splendido. Ogni volta che
muore un uomo vissuto secondo il Tao, e che ha compreso la verità
dell’esistenza, sul suo volto vedrai il riposo, non la disperazione; l’estasi, non
l’agonia; ha ben vissuto, ha amato, ha compreso la verità, ora è tornato a
casa. Il cerchio è compiuto, ora perviene al riposo.
… ciò vuol dire tornare al proprio destino.
In Occidente esiste una concezione lineare del progredire, in Oriente si
considera il progredire un moto circolare. In Occidente si pensa che ogni cosa
si muova linearmente, seguendo una linea retta, orizzontale. In Oriente
crediamo che tutte le cose si muovano in cerchio, come una ruota – la stessa
parola samsara, il mondo, significa ruota. Tutte le cose ritornano alla

sorgente, e sarà sempre così, in eterno…
Così scorrono le stagioni, così si muove la Terra, così si muove il sole e il
firmamento intero con le sue stelle – in cerchio. Il cerchio rappresenta il
processo fondamentale, simboleggia 1’eterna legge della vita. Non è lineare.
Tornare alle radici è il Riposo,
ciò vuol dire tornare al proprio destino.
Tornare al proprio destino significa scoprire la Legge Eterna.
L’Eterna Legge è questo – il cerchio. Se ogni cosa si muove in cerchio la
stessa cosa riaccadrà ancora, e si ripeterà di nuovo.
… conoscere la Legge Eterna è illuminazione.
Una volta conosciuta la Legge, non lotti più con essa, perché ogni lotta è
futile, vana. Semplicemente l’accetti e vivi seguendone i ritmi. Un uomo
saggio si muove in armonia con la Legge, mentre lo stolto le si oppone. Non
c’è nessuno a punirti: se ti muovi contro la Legge sarai punito dalle tue stesse
azioni.
È come se cercassi di passare attraverso un muro e picchi la testa. È
sciocco pensare che un dio seduto su una nuvola ordini al muro di colpire la
tua testa! Dio non è affatto necessario – se agisci in contrapposizione alla
Legge, soffrirai. Quindi se stai soffrendo, sappi che stai agendo contro la
Legge. Se sei felice, sappi che in modo più o meno conscio, stai fluendo con
la Legge. Prova a ricordare dei momenti di felicità e dei momenti di
sofferenza; analizzali e scoprirai che ogni volta che sei stato felice era perché
scorrevi in armonia con la Legge, e ogni volta che hai sofferto era perché
andavi contro la Legge.
… conoscere la Legge Eterna è illuminazione.
E colui che ignora la Legge Eterna
agisce da stolto e richiama sciagure.
Se soffri, è per causa tua, se sei felice, è a causa tua. Nessun altro ne è
responsabile – solo tu e tu soltanto. Tu sei il tuo inferno e il tuo paradiso.
Osho: Tao: The Three Treasures, VOL. II CAP. 1
POI Living Tao, CAP. 1


Source: Arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.