RISPETTA LA FELICITÀ

23/08/2018
 59 # Felicità e infelicità
“Impara a essere felice e impara a rispettare le persone
felici, a prestare più attenzione alle persone felici,
ricordalo!
Non dimostrare troppa simpatia alle persone infelici; se
qualcuno è infelice, aiutalo, ma non simpatizzare con lui.
Non dargli l’impressione che l’infelicità sia qualcosa di
meritorio.”
Amato Osho,
in cosa consiste questo attaccamento all’infelicità? E perché è tanto difficile
essere felice?
L’infelicità può darti molte cose, cose che la felicità non può donare. Di
fatto, la felicità ti sottrae molte cose. La felicità ti porta via tutto ciò che hai
sempre avuto e tutto ciò che sei sempre stato. L’infelicità nutre il tuo ego e la
felicità è lo stato di assenza di ego. L’infelicità ti dà un ego fortemente
cristallizzato: se sei infelice, esisti, se sei felice, non esisti.
Nell’infelicità sei cristallizzato, nella felicità ti espandi.
L’infelicità ti rende speciale. La felicità è un fenomeno universale, non ha
niente di speciale; gli alberi sono felici, gli animali e gli uccelli sono felici,
l’intera esistenza è felice. L’unica eccezione è l’uomo. Quando è infelice,
l’uomo diventa davvero speciale, straordinario.
L’infelicità ti rende capace di attrarre l’attenzione degli altri. Ogni volta
che sei infelice gli altri si prendono cura di te, provano simpatia per te, ti
amano. Tutti cominciano a occuparsi di te. Chi mai vorrebbe ferire una
persona infelice? Chi sarebbe geloso di una persona infelice? Chi mai
vorrebbe mettersi contro una persona infelice? Sarebbe perfido!
Di una persona infelice ci si prende cura, la si ama, la si accudisce.
L’infelicità è un grande investimento. Se la moglie non è infelice, il marito
tende a dimenticarsi di lei. Se è infelice, il marito non può permettersi di
trascurarla. Se il capofamiglia è infelice, l’intera famiglia gli sta vicino, si
preoccupa di lui e gli dà conforto.
Quando sei depresso, malato, infelice, gli amici ti fanno visita per
sollevarti il morale, per consolarti. Quando sei felice, gli stessi amici
diventano gelosi di te. Quando sei realmente felice, scopri che il mondo
intero ti ha voltato le spalle.

Una persona felice non piace a nessuno, perché la persona felice ferisce
l’ego degli altri. La gente comincia a pensare: “Ah, è così! Tu sei felice e noi
stiamo ancora brancolando nel buio, nell’inferno, nell’infelicità. Come osi
essere felice mentre noi siamo immersi in tanta infelicità?”.
Se sei felice, sei un individuo. Se sei infelice, fai parte della folla – hindu,
musulmana, cristiana, indiana, araba, giapponese. Cos’è la felicità? È forse
hindu, cristiana o musulmana? La felicità è semplicemente felicità. Ti senti
trasportato in un altro universo, non fai più parte del mondo che la mente
umana ha creato; non fai più parte del passato, di quella storia obbrobriosa.
Non fai neppure più parte del tempo.
Quando sei realmente felice, per te il tempo e lo spazio scompaiono.
Albert Einstein diceva che in passato gli scienziati avevano pensato che
esistessero due realtà – lo spazio e il tempo. Egli invece ha dichiarato che
queste due realtà non sono altro che due aspetti di un’unica realtà. Di
conseguenza, ha coniato il termine spaziotempo. Il tempo non è altro che la
quarta dimensione dello spazio. Einstein non era un mistico, altrimenti
avrebbe introdotto anche un’altra realtà – il trascendente – che non è né
spazio né tempo. Realtà che pure esiste – io la chiamo il testimone.
La tua domanda è significativa: In cosa consiste questo attaccamento
all’infelicità?
Esistono dei motivi. Indaga nella tua infelicità, osservala e sarai in grado
di scoprirli. Indaga poi in quei momenti quando, di tanto in tanto, ti permetti
di essere gioioso e noterai le differenze. Consistono in questi pochi aspetti:
quando sei infelice, sei un conformista. La società ama il conformismo, la
gente ti rispetta, godi di una grande rispettabilità – potresti perfino diventare
un santo – ecco perché i vostri santi sono tutti infelici. L’infelicità sta scritta a
lettere maiuscole sulle loro facce e nei loro occhi. Poiché sono infelici, si
sentono contrari a qualsiasi gioia. Condannano ogni forma di gioia,

definendola edonismo, definendola peccato. Sono infelici e vorrebbero
vedere il mondo intero infelice. Infatti, possono essere reputati santi
unicamente in un mondo infelice; in un mondo felice sarebbero ricoverati in
ospedale e sottoposti a cure mentali.
Ho osservato molti santi e ho scrutato nelle vite dei vostri santi del
passato. Al novantanove per cento sono esseri anormali, affetti da nevrosi o
perfino da psicosi. Ma erano rispettati e, ricordalo, erano rispettati proprio per
la loro infelicità.
Ci sono stati santi che si fustigavano ogni mattino – e la gente si radunava
per assistere a tanta austerità, a tanto ascetismo, a tanta penitenza. Ci sono
stati santi che hanno distrutto i loro occhi, perché attraverso gli occhi l’uomo
diventa consapevole della bellezza e dagli occhi poi sorge in lui la lussuria.
Ci sono stati santi che hanno reciso i propri organi genitali, e ricevevano il
massimo, incredibile rispetto, per il semplice motivo che si erano mutilati,
che avevano fatto violenza al loro corpo. Persone simili erano
psicologicamente malate.
Impara a essere felice e impara a rispettare le persone felici, a prestare più
attenzione alle persone felici, ricordalo! Questo significa rendere un grande
servizio all’umanità. Non dimostrare troppa simpatia alle persone infelici. Se
qualcuno è infelice, aiutalo, ma non simpatizzare con lui. Non dargli
l’impressione che l’infelicità sia qualcosa di meritorio.
Siate felici, rispettate la felicità e aiutate la gente a comprendere che la
felicità è lo scopo della vita.
Dobbiamo apprendere un linguaggio totalmente nuovo, solo così questa
vecchia umanità putrescente potrà cambiare. Dobbiamo apprendere il
linguaggio della salute, della completezza, della felicità. Sarà un compito
difficile, perché i nostri investimenti nell’infelicità sono enormi.
Ancora una cosa: l’infelicità non richiede talenti, tutti possono
permettersela. La felicità invece richiede talento, genialità e creatività. Solo le
persone creative possono essere felici
Lascia che questa realtà penetri in profondità nel tuo cuore: soltanto le
persone creative sono felici. La felicità è un derivato della creatività. Crea
qualcosa e sarai felice.
Osho: The Book of Wisdom, CAP. 20


Source: Arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.