L’ALCHIMIA DELLA GIOIA

06/08/2018
 Risultati immagini per L’ALCHIMIA DELLA GIOIA
“Celebra, qualunque sia la situazione.
Se sei triste, celebra la tua tristezza.
Prova! Fai un tentativo e rimarrai sorpreso.
Sei triste? Mettiti a ballare, perché la tristezza ha una sua
bellezza, è uno squisito fiore silente dell’essere.”
Amato Osho,
è possibile celebrare anche l’infelicità, il dolore, la tristezza?
Èpossibile, perché celebrare è un’attitudine, quindi vi si può includere
anche la tristezza; in questo stato dell’essere, anche la tristezza può essere
accettata.
Se sei triste, non identificarti con la tristezza. Osservala invece, diventane
testimone e gioisci di quei momenti di tristezza perché anch’essa ha la sua
bellezza. Non te ne sei mai accorto perché ti identifichi così totalmente con la
tristezza che non hai mai pensato di penetrare le meraviglie che un istante di
afflizione nasconde.
Se la osservi, rimarrai sorpreso nel vedere quali tesori ti sei lasciato
sfuggire. Quando sei felice, allegro, non sei mai così profondo come quando
sei triste; la tristezza possiede profondità, la felicità è più in superficie. La
felicità assomiglia a un’onda sulla superficie dell’acqua: la sua vita è in
superficie. La tristezza, invece, vive nelle profondità: quando sei triste non ti
senti un’onda, ti senti cadere in un abisso profondo chilometri.
Vivi quell’abisso, osservalo. La felicità è rumorosa, la tristezza ha il suo
silenzio. La felicità può essere paragonata al giorno, la tristezza alla notte. La
felicità è simile alla luce, la tristezza all’oscurità. La luce va e viene,
l’oscurità permane. È eterna. La luce è occasionale, l’oscurità è sempre
presente.
Se entri nella tristezza, sentirai tutte queste cose. All’improvviso, ti
accorgerai che la tristezza è presente, simile a un oggetto, e tu la stai
osservando, ne sei il testimone… E all’improvviso inizierai a sentirti felice. È
una tristezza meravigliosa! È un fiore dell’oscurità, un fiore dell’abisso
eterno.
Assomiglia a un abisso senza fondo, assolutamente silenzioso,
musicale… non esiste alcun rumore, alcun disturbo. Ci si può sprofondare
all’infinito, uscendone totalmente ringiovaniti. È un riposo.
Dipende dall’attitudine che si ha: quando diventi triste, pensi che sia
qualcosa di male. Giudichi negativamente ciò che ti è accaduto, cerchi di
evitarlo perché lo interpreti in maniera sfavorevole: non ne fai mai una
meditazione. Scegli invece di andare a trovare qualcuno, vai a una festa, in un
locale; oppure accendi la televisione, la radio, ti metti a leggere il giornale…
fai qualcosa che ti aiuti a dimenticare.
Si tratta di un’attitudine sbagliata, che ti è stata inculcata: non c’è nulla di
male nella tristezza, si tratta dell’altra polarità della vita.
La felicità è un polo, la tristezza è l’altro polo. La beatitudine è una
polarità, la sofferenza è l’altra; la vita è formata da entrambi: una vita di sola
beatitudine si estenderebbe soltanto in superficie, non avrebbe profondità.
Una vita di sola tristezza avrebbe profondità, ma nessuna ampiezza. Una vita
composta da entrambe le cose, è multidimensionale: si muove
contemporaneamente in tutte le dimensioni.
Osserva la statua del Buddha, oppure, ogni tanto, guarda nei miei occhi, e
troverai le due cose unite: beatitudine, pace, ma anche tristezza. Troverai una
beatitudine che contiene in sé anche la tristezza, perché quella tristezza dà
profondità alla beatitudine.
Osserva le statue del Buddha: è beato e anche triste. Per te, la parola triste
ha connotazioni sbagliate: senti che qualcosa non va, ma è soltanto una tua
interpretazione.
Per me, la vita è bella nella sua totalità, e ne puoi gioire soltanto quando
la comprendi nella sua totalità. Gioirne, celebrarla, significa godere di
qualunque cosa accada.
Gioire non è condizionato dall’umore del momento: “Quando sono felice,
gioisco; se sono triste, non gioisco”. Gioire, celebrare, non ha riserve, non
pone condizioni: io celebro la vita! Se mi porta infelicità, va benissimo:
gioisco di questo. Se porta felicità, va benissimo: gioisco di quello. Gioire è il
mio atteggiamento, la mia attitudine, indipendentemente da ciò che la vita mi
porta.
Il problema nasce perché, ogni volta che io uso le parole, esse hanno,
nelle vostre menti, una particolare rispondenza. Quando dico di gioire, di
celebrare, tu pensi che si debba essere felici. Come si può celebrare quando si
è tristi? Ma io non sto dicendo che si deve essere felici per gioire, per
celebrare: la celebrazione è gratitudine per tutto ciò che la vita ti dona, per
qualsiasi cosa l’esistenza ti mandi. La celebrazione è riconoscenza, è un
ringraziamento.
Celebra, qualunque sia la situazione. Se sei triste, celebra la tua tristezza.
Prova! Fai un tentativo, e rimarrai sorpreso. Sei triste? Mettiti a ballare,
perché la tristezza ha una sua bellezza, è uno squisito fiore silente dell’essere.
Danza, gioiscine, e all’improvviso, sentirai che la tristezza scompare: si è
creata una distanza. Piano piano, ti dimenticherai della tristezza e ti ritroverai
a celebrare, a gioire: la danza ha trasformato quell’energia.
Quando sei triste, gioisci; e in questo modo darai una composizione
nuova alla tristezza. Introduci nella tristezza qualcosa che la trasformerà; le
aggiungi la celebrazione. Sei in collera? Danza fino all’abbandono. All’inizio
sarà un ballo un po’ rabbioso, aggressivo, ma, piano piano, diventerà sempre
più dolce, sempre più morbido e, all’improvviso, ti sarai dimenticato della tua
collera. L’energia si è trasformata in danza.
Tu, invece, quando sei arrabbiato, non riesci neppure a pensare alla
danza. Quando sei triste, come puoi pensare a cantare? Ma perché non
trasformare la tua tristezza in una canzone? Canta, suona il flauto! All’inizio
le note saranno tristi, ma non c’è nulla di male se le note sono tristi.
Sei triste? Inizia a cantare, a pregare, a ballare. Qualsiasi cosa tu sia in
grado di fare, falla. E una volta che conosci questa chiave, la tua vita non sarà
mai più la stessa: potrai aprire tutte le porte.
E questa è la chiave universale: celebrare ogni cosa!

E quando riesci a lasciare questa vita celebrando, la morte non ti può
uccidere. Al contrario, sarai tu a uccidere la morte
Ma inizia subito, prova… non hai nulla da perdere!
Osho: Yoga: the Alpha and the Omega, VOL. IV CAP. 10


Source: Arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.