L’UOMO È UN SEME

08/07/2018

Immagine correlata
“L’uomo è un seme con migliaia di fiori che attendono di
sprigionare la loro fragranza.
La meditazione è il metodo per portarli a fioritura.”
Nell’essere umano è racchiusa una gloria immensa. L’uomo è uno
splendore, ma è uno splendore imprigionato. Quella magnificenza dev’essere
liberata. È simile a un seme: dentro di sé conserva migliaia di fiori
imprigionati in lui. Occorre un giardiniere che lo aiuti, occorre un terreno
adatto; e anche il seme ha bisogno di un po’ di coraggio per lasciar cadere le
sue difese, il duro guscio che lo circonda e lo protegge.
A quel punto, immediatamente la vita inizia a crescere: da quel lasciarsi
andare, spunteranno milioni di foglie e ne verranno anche milioni di semi! In
realtà, un singolo seme possiede così tanta magnificenza da poter rinverdire
l’intera Terra.
La stessa cosa vale per l’essere umano: l’uomo è un seme con migliaia di
fiori che attendono di sprigionare la loro fragranza. La meditazione è il
metodo per portarli a fioritura, e l’arte è quella dei giardinieri.
Tu sei il seme e devi essere anche il giardiniere; sei il seme, il
giardiniere… e devi essere anche il terreno. Devi lasciar cadere la dura scorza
dell’ego che ti avvolge – e immediatamente i miracoli diventano possibili.
Non ci si può credere se non si arriva a conoscere ciò che è nascosto dentro di
sé.
Gesù ha ragione, quando dice: “Il regno di dio è dentro di te”. Le persone
non ci possono credere perché non sanno nulla della propria dimensione
interiore. Solo grazie alla meditazione riusciranno a sperimentare quel regno.
Incamminandoti alla ricerca del Vero, fai un salto quantico, balzi nella
meditazione.
Riversa tutte le tue energie, focalizza tutto il tuo essere sulla meditazione.
Tramite quel processo tutto è possibile; perfino l’impossibile diventa
possibile.
Visto dall’esterno, l’uomo sembra essere una piccola goccia di rugiada.
Ma è soltanto apparenza, non farti ingannare! Ed è solo dall’esterno che
sembra così; se guardi partendo dall’interno del tuo essere, l’intera visione
cambia.
Nel momento in cui sei dentro di te, proprio al centro del tuo essere, e
vedi te stesso da quella prospettiva, ti aspetta una sorpresa stupefacente:
sembri essere oceanico, vasto tanto quanto riesci a immaginarlo. Anzi, più
vasto dell’intero spazio all’esterno, più sconfinato del cielo.
Purtroppo, poiché ci conosciamo soltanto dall’esterno, continuiamo a
credere nella nostra piccolezza e a causa di questa sensazione di piccolezza,
prende forma un complesso d’inferiorità; e ciò crea milioni di guai – non uno
o due, ma milioni di complicazioni.
Tutti, praticamente tutti, soffriamo di un complesso d’inferiorità. E se
smetti di soffrirne, inizi a soffrire di un complesso di superiorità – il che è la
stessa cosa! Non fai altro che stare ritto sulla tua testa: è lo stesso problema,
ribaltato.
Prima partivi dall’ABC, adesso inizi dalla Z e vai a ritroso! La situazione
non cambia se inizi dalla A o dalla Z; la rotta è identica, segui sempre la
stessa logica. Se nella tua vita fallisci, soffri d’inferiorità; se hai successo – se
diventi un presidente o un primo ministro –, inizi a soffrire di un complesso
di superiorità. Ma il problema è lo stesso.
Cosa lo provoca? Dipende dal fatto che noi non conosciamo chi siamo.
Noi siamo oceanici: né piccoli né grandi, semplicemente infiniti; senza inizio
e senza fine. Questa è la nostra essenza divina.
Quando diciamo che l’uomo è dio, s’intende proprio questo: l’uomo non
è piccolo, né è grande – l’uomo è infinito. Attraverso queste parole – piccolo
e grande – non puoi concepire nulla di ciò che è. Riesci a vederlo soltanto se
abbandoni totalmente queste parole. Ma lo si può fare unicamente attraverso
la meditazione, perché tu non sai come stare al centro di te stesso, come
essere al centro del ciclone.
La meditazione è il segreto, l’unico segreto; ed è il segreto più grande che
l’essere umano abbia scoperto finora. La teoria dell’energia atomica, la legge
di gravità, la formula della relatività di Einstein, non sono segreti così grandi.
Nulla è paragonabile all’intuizione che l’uomo ha scoperto grazie alla
meditazione.
Il Buddha, Cristo, Zarathustra, Lao-tzu – tutte queste persone sono giunte
a conoscere un’unica cosa: la semplice arte di arrivare al centro essenziale del
proprio essere, e vedere il mondo da lì… E la prospettiva è totalmente
diversa.
Tutto il tuo mondo diventa diverso, non è più lo stesso mondo. In un certo
senso tutto rimane immutato, e in un altro nulla è più la stessa cosa. Diventa
un’esperienza bellissima, un’estasi tale che le parole risultano inadeguate:
non riescono a esprimerlo. Perfino la poesia si rivela impotente, anche la
musica e la danza non riescono a essere una reale espressione di quello
splendore. Non c’è modo di indicarlo, neppure con un gesto. Ciascuno lo
deve conoscere; e l’unico modo per conoscerlo… è conoscerlo!
Osho: The Golden Wind, CAP. 15


Source: Arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.