TORNARE A CASA

05/07/2018
 Risultati immagini per tornare a casa
“Torna a casa, muoviti verso il tuo interno.
Come inizi a muoverti all’interno, più silenzio, più
tranquillità, più equanimità, più equilibrio, più centratura,
più radicamento iniziano ad accadere spontaneamente.”
La parola nulla significa semplicemente nessuna cosa – un vuoto. Si tratta
di uno spazio senza forma, non ha confini.
Una volta che si inizia a entrare in sintonia con questo vuoto senza forma,
una volta che entri in armonia con esso, una volta che smetti di rifuggirlo,
inizia il viaggio verso casa.
Il giorno in cui arrivi in questo spazio vuoto, il tuo gioirne, il tuo non
sentirti alieno, non viverlo da estrano, il tuo goderne, è una benedizione.
La mente occidentale si sente in grande imbarazzo a quest’idea: “Come
può il nulla essere una gioia?”. Hai sempre cercato di essere; il nulla
assomiglia alla morte, all’annientamento. Come può il nulla essere una gioia?
Ecco perché i filosofi occidentali pensano che il Buddha sia il più grande
pessimista vissuto al mondo; non lo è, questa è una interpretazione. La mente
occidentale pensa: “Che gioia può mai dare entrare nel nulla?”.
Non comprendi. Quando scopri che non sei, non può esserci più alcuna
ansia. Adesso anche la morte non può farti paura. Ormai non sei più, quindi
la morte non può distruggere nulla, sei libero dalla morte. Quando scopri che
non sei, successo e fallimento non ti interessano più; in te non c’è nessuno ad
avere successo e nessuno a fallire. C’è imparzialità, tutto è uguale.
Quando si arriva a vedere questo nulla, com’è possibile continuare a
restare tesi? Come può esserci stress e tensione? Non c’è niente che possa
creare tensione; dal nulla non nasce nessuna increspatura. Le tensioni
spariscono, ti rilassi.
Questo nulla è profondamente riposante, è riposo assoluto, tutto si ferma,
tutto arriva a una battuta d’arresto. Ora qualsiasi cosa accada non fa alcuna
differenza, non riesce ad agitarti. Diventi ricco, la cosa non ti agita; diventi
povero, la cosa non ti agita. Hai successo, e va bene; non hai successo, e tutto
è perfettamente a posto. Tutto continua ad andare bene; nel tuo essere è nata
l’armonia. Ora sei equilibrato, assolutamente equilibrato. La vita va a sinistra,
va bene; la vita va a destra, va bene. Non ha importanza; niente conta più.
Questo stato è ciò che chiamiamo gioia. La gioia non è sinonimo di
felicità, la gioia è cosa ben più trascendentale. La gioia non è né la felicità, né
l’infelicità. La gioia è uno stato dell’essere che resta imperturbabile,
indisturbato, non importa cosa stia accadendo intorno. Il ciclone continua a
imperversare, ma nel tuo nucleo più intimo tutto tace; è sorta la tranquillità.
Questo è ciò che chiamiamo samadhi.
Al mondo esistono soltanto due sentieri percorribili: uno è quello che ti
allontana da te stesso, l’altro è quello che ti avvicina. Per allontanarsi è
possibile seguire migliaia di percorsi. Qualcuno si allontana da se stesso
seguendo il denaro, qualcuno seguendo il potere, qualcuno seguendo il sesso,
qualcuno rincorrendo l’alcol, le droghe… Ci sono migliaia di percorsi, di
strade secondarie. Ma di base tutte vanno in una sola direzione – vanno verso
ciò che è esterno a te. Vanno sempre più lontano dal tuo centro, verso la
periferia.
Il fatto è che quella periferia non esiste, così continui ad andare avanti e
avanti e avanti – sempre più scontento, sempre più insoddisfatto, sempre più
angosciato. Il risultato finale è la follia. Se l’Occidente arrivasse alla sua
conclusione logica, vedremmo l’intera società occidentale impazzire. Se
questa mente protesa verso l’esterno si tende fino allo stremo, allora può
esserci solo e unicamente follia. Il risultato finale è la pazzia.
L’altro viaggio è verso il tuo interno. Torna a casa, muoviti verso il tuo
interno. Come inizi a muoverti verso l’interno, più silenzio, più tranquillità,
più equanimità, più equilibrio, più centratura, più radicamento iniziano ad
accadere spontanemente.
Il giorno in cui arrivi a casa, all’improvviso scopri la gioia.
Osho: Zen: The Path of Paradox, VOL. II CAP. 7


Source: Arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.