NON SEGUIRE LA PAURA

27/06/2018
Immagine correlata
“Non andare nella direzione in cui ti spinge la paura.
Va’ dove ti conduce l’amore.
Va’ nella direzione in cui ti porta la gioia.”
Le parole di Rumi vanno comprese a fondo, perché Rumi non ha parlato
molto – ha lasciato soltanto alcune brevi poesie.
La sua affermazione: “Entra in te stesso, ma non camminare con il passo
dettato dalla paura” è bellissima.
Non andare nella direzione in cui spinge la paura. Va’ dove ti conduce
l’amore. Va’ nella direzione in cui ti porta la gioia; non seguire la paura,
perché tutte le cosiddette religioni si fondano sulla paura. La paura è il loro
dio, e il loro paradiso e inferno non sono altro che proiezioni della paura e
dell’avidità.
L’affermazione di Rumi è profondamente rivoluzionaria: non agire spinto
dalla paura.
Tutte le religioni ripetono alla gente: “Abbiate timore di dio!”. Il
Mahatma Gandhi era solito dire: “Io non ho paura di nulla, all’infuori di dio”.
Quando sentii questa affermazione, commentai che era la dichiarazione più
stupida che si potesse fare. Puoi aver paura di tutti, ma non di dio, perché dio
può essere avvicinato soltanto attraverso l’amore; dio non è una persona ma il
battito pulsante dell’universo. Se riesci a cantare con amore e a danzare con
amore, una semplice attività come roteare su se stessi fatta da uno spazio
d’amore… la gioia e il senso di celebrazione bastano a raggiungere il
ricettacolo più sacro e profondo dell’essere e dell’esistenza.
Tutti voi avete vissuto sotto l’influsso della paura.
Le tue relazioni sono guidate dalla paura. La paura è travolgente. È simile
a una nuvola nera che sovrasta la tua vita e ti fa dire cose che non vorresti
dire… eppure la paura te le fa pronunciare. Fai cose che non vorresti fare, ma
la paura te le fa fare. Basta solo un po’ di intelligenza per notarlo…
Milioni di persone adorano delle pietre che loro stesse hanno scolpito.
Hanno fatto i propri dei, e poi li adorano. Dev’essere frutto di una paura
abissale; infatti, dove si potrebbe trovare dio? La maniera più semplice è
scolpirne l’immagine in un meraviglioso pezzo di marmo e adorarlo. E
nessuno pensa che sia pura stupidità, perché tutti lo fanno a modo loro –
qualcuno al tempio, qualcuno nella moschea e altri nella sinagoga: non vi è
differenza alcuna. Il tratto essenziale è lo stesso, e cioè che agite da uno
spazio di paura; le vostre preghiere sono intrise di paura.
Rumi fa un’affermazione rivoluzionaria, straordinaria: “Entra in te stesso,
ma non camminare con il passo dettato dalla paura”. Qual è allora il modo
per entrare in se stessi? Perché non entrarci giocosamente? Perché non
trasformare la religione in qualcosa di giocoso? Perché essere così seri?
Perché non lasciarci spingere dalla giocosità? Proprio come bambini che
rincorrono felici le farfalle, senza alcun motivo. Basta il semplice godere dei
colori, della bellezza dei fiori e delle farfalle… e sono immensamente felici.
Ogni giorno, durante le ventiquattr’ore, trova dei momenti privi di paura,
cioè momenti in cui non stai chiedendo nulla. Non stai chiedendo alcuna
ricompensa e non sei preoccupato di nessuna punizione; gioisci
semplicemente del roteare su te stesso, dell’entrare dentro di te.
All’inizio sembrerà difficile, ma non appena entri anche solo un po’ nella
tua interiorità, diventi automaticamente colmo di gioia, di giocosità, di
preghiera. In te nasce una gratitudine che non hai mai conosciuto prima, e in
te si apre uno spazio infinito: il tuo cielo interiore. Il tuo cielo interiore non è
meno ricco del cielo esteriore: ha le sue stelle e la sua luna e i suoi pianeti e la
sua immensità; possiede un universo vasto esattamente quanto quello che
puoi vedere all’esterno.
Ti trovi tra due universi: uno esteriore e uno interiore. L’universo
esteriore è formato da oggetti; l’universo interiore è formato da

consapevolezza, beatitudine, gioia.
Entra nella tua interiorità, ma non con il passo dettato dalla paura, perché
la paura non può entrare nell’universo interiore. Come mai non può entrare?
Perché la paura non può stare da sola, e dentro te stesso dovrai essere solo. La
paura ha bisogno della folla, la paura ha bisogno di compagnia, di amici,
persino i nemici possono andarle bene.
Ma per essere da solo, per entrare in te stesso, non puoi portare nessuno
con te; la tua solitudine deve diventare sempre più profonda. Non solo non
puoi portare nessuno, non puoi nemmeno portare nulla! La tua ricchezza, il
tuo potere, il tuo prestigio, non puoi portare nulla. Non puoi neanche portare i
tuoi vestiti! Ci dovrai entrare nudo e solo!
Ecco perché il movimento della paura non va verso il tuo interno, ecco
perché la paura non può entrare nel mondo interiore; la paura si muove verso
ciò che è all’esterno. La paura si muove verso il denaro, verso il potere, verso
dio; la paura si muove in tutte le direzioni, eccetto quella interiore.
Il primo requisito per andare dentro di sé è l’assenza di paura.
Osho: Om Shantih Shantih Shantih, CAP. 11


Source: Arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.