CAMBIARE IL MONDO

23/06/2018

 Risultati immagini per mandala colorati
“Se cambi te stesso hai già iniziato a cambiare il mondo.”
Amato Osho,
non è aggressivo tentare di cambiare il mondo per salvarlo?
Sì, anche cercare di cambiare un solo individuo è aggressivo. Chi sei tu per
decidere cos’è giusto per un’altra persona? Chi sei tu per decidere che il
mondo, una volta trasformato come vuoi tu, sarà migliore? In questo modo ti
assumi il ruolo del salvatore. È un modo molto inconscio di dominare la
gente, per il suo bene naturalmente, così non può nemmeno ribellarsi contro
di te.
Ogni genitore lo fa con i propri figli: li costringono a seguire una
disciplina che non hanno scelto, li inducono a fare cose che non vogliono,
impongono una determinata religione senza il loro consenso… La loro libertà
viene costantemente limitata in ogni modo possibile, e meno libertà vuol dire
meno individualità. Quando il bambino diventa obbediente al cento per cento,
è diventato praticamente uno zombie; prima la sua disobbedienza ne
rafforzava la vitalità, la sua ribellione rafforzava il suo essere.
Certo, non si può dire che le intenzioni dei genitori siano malvagie. Il
punto della questione è: qual è il risultato?
L’intenzione è una cosa che esiste dentro di te; puoi avere tutte le migliori
o peggiori intenzioni del mondo, ma tienile per te! Nel momento in cui
cominci ad agire sulla loro spinta, le buone intenzioni sono molto più
pericolose di quelle cattive, perché le cattive intenzioni possono essere
immediatamente contestate, condannate, non solo dalla persona a cui le stai
imponendo, ma anche da chi è presente alla scena.
Le buone intenzioni sono più pericolose delle cattive. Entrambe
assolvono lo stesso compito: distruggere la libertà dell’individuo di essere se
stesso, far sì che la sua natura non sia in alcun modo diversa dalla norma, con
la differenza che contro le cattive intenzioni la ribellione è possibile e sarà
sostenuta da tutti, mentre contro le buone intenzioni la ribellione diventa
impossibile.
Tutti daranno il proprio sostegno alle persone bene intenzionate che
distruggono l’individuo, il quale invece non riceverà alcun aiuto.
Non è affar nostro salvare il mondo. Innanzitutto non l’abbiamo creato
noi e non è nostra responsabilità dove andrà a finire e cosa gli accadrà.
La nostra sola responsabilità, mentre siamo qui, è vivere una vita di gioia,
amore, beatitudine. Mentre siamo qui la nostra responsabilità è riuscire a
comprendere chi siamo e in cosa consiste questa intera esistenza. E il
miracolo risiede nel fatto che, facendo ciò, stai già trasformando il mondo,
senza essere aggressivo.
L’idea del cambiamento non sussiste, da nessuna parte, quindi il
problema dell’aggressività non si pone affatto. Non hai nemmeno la vaga
intenzione di cambiare il mondo e di farlo secondo la tua visione. Vivi la tua
vita e basta, e della tua vita sei il padrone. Cerchi di vivere il più
intensamente e totalmente possibile perché la vita è breve, e l’istante
successivo è così incerto che dobbiamo vivere ogni momento come se fosse
l’ultimo.
Questa stessa idea – vivere ogni momento come se fosse l’ultimo – ti
trasformerà. Non sentirai più il bisogno di essere geloso, di arrabbiarti…
Nell’ultimo istante della propria vita chi vorrebbe arrabbiarsi o essere geloso,
triste e infelice?
Nell’ultimo istante della vita tutti i rancori e le lamentele scompaiono, in
modo naturale. Se vivi ogni momento come se fosse l’ultimo, trasformi te
stesso, e il tuo cambiamento sarà contagioso! Potrebbe trasformare l’intero
mondo, anche se non era affatto tua intenzione. Questo è il mio modo di
cambiare il mondo senza essere aggressivo.
Invece, finora, tutti i riformatori, i rivoluzionari e i messia sono stati
violenti, aggressivi. Erano assolutamente decisi a salvarti! Non ti hanno mai
chiesto se volevi essere salvato oppure no; eri soltanto l’oggetto delle loro
decisioni. Chi ha dato loro quell’autorità? Non ti hanno nemmeno chiesto il
permesso! E se non cambi nel modo in cui loro desiderano, ti scaraventano in
un buio e triste inferno per sempre. Se invece sei disposto a commettere un
suicidio spirituale e diventare solo la loro ombra, queste persone ti
promettono il paradiso e tutte le gioie dell’aldilà.
Gli hindu hanno tentato di cambiare il mondo, i cristiani hanno tentato di
cambiare il mondo; tutte le religioni ci hanno provato. Il comunismo, il
socialismo, il fascismo… tutti ci hanno provato!
I ricercatori del Vero che si accompagnano a me sono totalmente diversi,
sono un fenomeno nuovo: non interferiscono nella vita degli altri eppure sono
capaci di trasformare il mondo.
Questa è vera magia! Non ne avevi l’intenzione, non hai mai imposto
nulla, non hai interferito, non hai prevaricato o violato nessuno; non hai mai
formulato alcun giudizio come: “Siete fatti in modo sbagliato e io vi
correggerò!”.
Non ti è mai interessato, sono affari loro, è la loro vita. Se vogliono
distruggerla è un loro diritto, se vogliono vivere la loro vita stupidamente va
benissimo, è la loro vita: come la usano, come la vivono, come la passano
addormentati dalla culla alla tomba, è sempre la loro vita e ne sono padroni.
La mia gente non deve interferire con la vita di nessuno.
Io ho scoperto un approccio totalmente diverso per cambiare il mondo:
cambia te stesso! E quando danzerai pieno di gioia, ti accorgerai che
qualcuno, tra chi ti è vicino, avrà iniziato a danzare insieme a te, perché
siamo tutti la stessa umana consapevolezza, con lo stesso potenziale. Nessuno
è straniero! Possiamo anche parlare lingue diverse, ma tutti comprendiamo
uno stesso linguaggio: quando sei felice e sorridente, l’altro – che magari non
stava sorridendo – all’improvviso sente il sorriso pervadergli il viso. Puoi
essere un estraneo, ma hai sorriso a quella persona, l’hai salutata. Hai
trasformato quella persona senza che se ne accorgesse, senza averne
l’intenzione.
Grandi Maestri come Lao-tzu, Chuang-tzu, Lieh-tzu l’hanno definita
azione senza azione. Non fai nulla, non intraprendi alcuna azione, eppure
qualcosa succede, e quando le cose accadono da sole hanno una bellezza,
perché in profondità c’è libertà. Se la persona ti ha salutato, se ha sorriso…
non glielo hai chiesto, era totalmente libera di non guardarti neppure, ma c’è
stata una sincronicità tra cuore e cuore.
Conoscendo il segreto di quella sincronicità sto presentando un genere di
rivoluzione totalmente nuovo: cambia te stesso e proprio in quel
cambiamento avrai trasformato una parte di mondo.
Osho: The Last Testament, VOL. II CAP. 6


Source: Arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.