Rilassamento, osservazione, assenza di giudizio.

13/06/2018
 Immagine correlata
La meditazione non ha nulla a che vedere con il controllo della mente
– e questo perché qualsiasi forma di controllo è una sorta di repressione, e
tutto ciò che viene represso prima o poi si prende la sua rivincita. Nel
momento in cui ti distrai – o ti rilassi un po’ – la mente che tenevi sotto
controllo alzerà immediatamente la testa e inizierà a vorticare, scatenando
tutto ciò che avevi occultato dentro di te.
La meditazione non è affatto controllo, perché il controllo crea
tensione e la meditazione si basa sul rilassamento.
Qualsiasi sia il metodo, la meditazione ha alcuni elementi essenziali:
la tecnica può differire, ma quei pochi elementi essenziali sono
indispensabili in qualsiasi metodo si utilizzi. E il primo è proprio uno
stato rilassato: nessuna lotta con la mente, nessun controllo della mente,
nessun tipo di concentrazione.
Il secondo è un semplice osservare qualsiasi cosa stia accadendo con
una consapevolezza rilassata, senza alcuna interferenza… osserva
semplicemente la mente, in silenzio, senza alcun giudizio, senza alcuna
valutazione.
Dunque, questi sono i tre elementi di fondo: rilassamento,
osservazione, assenza di giudizio. E piano piano in te discende un silenzio
incredibile. Qualsiasi movimento interiore si acquieta. Sei presente, ma
non hai alcuna sensazione di io sono… sei un puro e semplice spazio di
presenza.
Esistono centododici metodi di meditazione, e io li ho trattati tutti.
Differiscono nella loro struttura, ma gli elementi fondamentali restano gli
stessi: rilassamento, osservazione consapevole, un’attitudine non
giudicante.
In base alle circostanze, in funzione di ciascun individuo, puoi
cambiare l’espediente che usi, ma non puoi escludere nessuno di questi
tre elementi: rilassamento, osservazione consapevole e un’attitudine non
giudicante.
Dunque, in realtà, queste sole tre cose sono l’unico metodo di
meditazione, tutte le altre tecniche sono solo delle variazioni dello stesso
tema. Se una persona medita utilizzando soltanto questi tre fattori
essenziali, può creare ogni sorta di metodo funzionale alle diverse
situazioni, alla sua personale tipologia e a quella delle altre persone.
In ogni caso, ciascuno dovrebbe avere la propria esperienza personale.
Osho: Ta Hui, The Great Zen Teacher, CAP. 14


Source: Arancione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.