Tornare a casa per votare? Flixbus offre il biglietto

Flixbus lancia la campagna “la distanza non ti dividerà dal tuo diritto di voto” con la quale rimborserà i biglietti di viaggio per tornare a casa a votare. Ecco come funziona

Tornare a casa per votare? Può costare zero. Flixbus ha infatti deciso di rimborsare il biglietto per chiunque viaggerà verso la città del suo seggio elettorale.

La compagnia di trasporto con lo slogan “la distanza non ti dividerà dal tuo diritto di voto” ha così lanciato una campagna con la quale promette il rimborso dei ticket di viaggio verso la città di residenza.

Ecco come fare per richiederlo

  1. Prenota il biglietto FlixBus per la tua città di residenza e viaggia tra il 23.05 e il 26.05 bit.ly/FlixTimeImVoting_it
  2. Viaggia, vota e scatta una foto dal tuo seggio elettorale! (IMPORTANTE: Assicurati di NON scattare la foto all’interno della cabina elettorale, è vietato)
  3. Entro le 11:59 PM del 28 maggio contattaci in privato su Facebook inviandoci lo screenshot della conferma di prenotazione e la foto scattata nel tuo seggio elettorale. In questo modo potrai ricevere un voucher gratuito per un viaggio di sola andata.
  4. Entro il 12 giugno riceverai il tuo voucher
  5. Riscattalo tra il 12.06 e l’11.07 e goditi il tuo prossimo viaggio in Europa

Continua a leggere su VARESENEWS.IT

http://bit.ly/30vh6KJ

Nel calcio italiano non esistono tifosi contenti

Nel calcio italiano non esistono tifosi contenti

Perché nel calcio italiano vincere è diventata una malattia, un’ossessione? E’ la domanda dell’anno e ovviamente non abbiamo una risposta. Però ci guardiamo attorno e fatichiamo sempre di più a comprendere la rabbia e la frustrazione che ormai accompagnano stabilmente quelli che definiamo tifosi.

Il calcio, in Italia, è ormai una forma di nevrosi. A qualsiasi latitudine. Partiamo dai più forti. Dalla Juventus. Dopo cinque anni di successi consecutivi: cinque scudetti, quattro Coppe Italia, l’allenatore toscano si è separato dalla dirigenza bianconera. E fin qui nulla di strano. Anzi. La stranezza è un’altra. I tifosi juventini sono divisi su Allegri. Non tutti lo considerano un grande allenatore, nonostante i record. E non pochi lo giudicano un tecnico all’altezza. Incapace di raggiungere l’unico reale obiettivo della Juventus: la Champions League.

L’obbligo di vincere. L’aberrazione dello sport. Se non vinci, hai fallito. Detto con rabbia. Con una rabbia tale che, in caso di vittoria, sarebbe impossibile goderne.

A Napoli, la situazione è più o meno simile. Il secondo posto conquistato con Ancelotti allenatore, è vissuto come una stagione deludente. Non all’altezza del campionato dello scorso anno e delle aspettative che l’arrivo dell’allenatore emiliano aveva creato. Come se il Napoli fosse un club che potesse sputare su un secondo posto in campionato. Il presidente De Laurentiis è contestato e avversato, e non soltanto dagli ultras. Lo stadio è spesso semivuoto.

Stessa situazione a Firenze dove tra l’altro la Fiorentina rischia persino di retrocedere in serie B. Ma la contestazione a Della Valle dura ormai da anni. I tifosi si sentono imprigionati dal patron di Tod’s, come se fosse un carceriere dei loro sogni. Anche a Firenze, come a Napoli e a Torino, la tifoseria proietta un’immagine irreale di sé. La Fiorentina si immagina il Barcellona, come a Napoli credono di essere il Real Madrid.

Torino, Firenze, Napoli. E anche Roma. Sia sponda romanista sia sponda laziale dove per anni Lotito è stato contestato. Adesso il fronte laziale si è un po’ placato. Ma quello giallorosso, invece, è ben oltre l’orlo della crisi di nervi. La scorsa settimana, la rottura tra la Roma e De Rossi ha provocato l’ennesima contestazione da parte dei tifosi.

A Roma contestano Pallotta che è americano. Così come a Napoli contestano De Laurentiis che è romano. Il sovranismo regna sovrano. Così come la frustrazione. Il calcio è diventato quasi unicamente un accumulatore di rabbia. Un gioco che non è nemmeno a somma zero. E’ un gioco che può finire soltanto in perdita. Si è perso il sorriso, tant’è vero che gli stadi – in Italia – sono fondamentalmente diventati luoghi lugubri. E un’inversione di tendenza sembra lontana.

Foto di Brian Dowden da Pixabay

http://bit.ly/2wayeHF

Trovato in Sicilia capodoglio rosa spiaggiato: il suo stomaco era pieno di plastica

capodoglio rosa spiaggiato: il suo stomaco era pieno di plastica

Tantissima plastica nello stomaco e una grossa ferita sul fianco. Queste sono le condizioni in cui è stato ritrovato un capodoglio rosa di 6 metri sulla spiaggia di Lascari, in Sicilia. Si tratta del quinto caso italiano di cetaceo spiaggiato pieno di plastica nel giro di pochi mesi.

L’elenco di pesci, tartarughe e cetacei trovati morti sulle spiagge italiane con lo stomaco pieno di plastica si allunga sempre di più. L’ultimo caso risale ad appena tre giorni fa, quando su una spiaggia di Lascari, in Sicilia, vicino a Cefalù, è stato trovato senza vita un capodoglio rosa. Il cetaceo di 6 metri presentava una grossa ferita su un fianco, probabilmente provocata dallo scontro con un’imbarcazione, e secondo le analisi dovrebbe avere circa 7 anni.

Ma la vera notizia riguarda ciò che è stato trovato all’interno dell’animale.

Continua a leggere su OGHA.IT

http://bit.ly/2wcPqw4

Sclerosi Multipla, dare visibilità e informare

“Dare visibilità alla sclerosi multipla (SM)” è il claim della Settimana Nazionale della Sclerosi Multipla di quest’anno

La sclerosi multipla, grave malattia del sistema nervoso centrale, è la prima causa di disabilità nei giovani dopo gli incidenti stradali. Cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante, colpisce una persona ogni 3 ore, viene per lo più diagnosticata tra i 20 e i 40 anni in maggioranza nelle donne con un rapporto di 2 a 1 rispetto agli uomini. Le persone con SM sono 3 milioni nel mondo, 700 mila in Europa e 122 mila solo in Italia.

“Dare visibilità alla sclerosi multipla (SM)” è il claim della Settimana Nazionale della Sclerosi Multipla di quest’anno. Il messaggio si richiama a quello della campagna #MyInvisibleMS della Federazione Internazionale della SM (MSIF) lanciata in occasione della Giornata Mondiale della Sclerosi multipla, che il 30 maggio di quest’anno si celebra per l’undicesimo anno in 70 Paesi.

Il consueto appuntamento di AISM con l’informazione sulla malattia si celebra dal 25 maggio al 2 giugno prossimi sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica con una settimana ricca di appuntamenti.  L’obiettivo è parlare di sclerosi multipla. È infatti fondamentale che di questa malattia ciascuno, anche se non direttamente coinvolto, riceva informazioni corrette, per comprenderne difficoltà e complessità, senza dar credito a “luoghi comuni”.

CONTINUA SU METEOWEB.EU

http://bit.ly/2JVZOjN

Lutto nel mondo dello sport: è morto Niki Lauda

Lutto nel mondo dello sport: è morto Niki Lauda.

Si è spento questa notte all’età di 70 anni in una clinica privata in Svizzera l’ex pilota di Formula Uno e Leggenda dello sport Niki Lauda: ecco chi era.

[ Fonte: Formula Uno: è morto Niki Lauda. Vittorie, drammi e rivalità – PIANETAMILAN.IT – Alessio Roccio]  

Cosa si dice in Italia? Approfondiamo:

NIKI LAUDA È MORTO, AVEVA 70 ANNI. FORMULA 1 IN LUTTO  > È
morto all’età di 70 anni l’ex pilota austriaco Niki Lauda, leggenda
della F1
e tre volte campione del mondo, due volte alla guida della
Ferrari e una con la McLaren. Lo rende noto la famiglia, a lui vicina in questi
ultimi giorni trascorsi dall’austriaco in ricovero in una clinica privata in
Svizzera. Otto mesi fa aveva subito un trapianto di polmone.

La carriera di Niki Lauda: Nato a Vienna il 22 febbraio del 1949, Lauda vinse tre titoli
mondiali come pilota di F1 nel 1975, nel 1977 e nel 1984
, i primi due al
volante della Ferrari e l’ultimo poi con la McLaren,
ed è considerato uno dei migliori piloti della storia alla luce anche di una
carriera con 171 Gran Premi corsi e 25 vittorie ottenute.
Nell’immaginario popolare di lui rimangono le immagini del grave
incidente al Nurburgring
 che lo coinvolse nell’agosto 1976, quando
rimase gravemente ustionato, un incidente che lo lasciò sfigurato in viso. In
pista si era meritato il soprannome di “Computer”, per la sua guida
meticolosa, glaciale, chiururgica, ma anche per la capacità di individuare e
correggere i difetti delle monoposto che guidava.

Leggenda in Ferrari, grande anche nel dopo F1: Arriva immediato, via Twitter, il cordoglio del team Ferrari: “Oggi è un giorno triste per la F1. La grande famiglia della Ferrari apprende con profonda tristezza la notizia della morte dell’amico Niki Lauda, tre volte campione del mondo, due con la Scuderia (1975-1977). Resterai per sempre nei cuori nostri e in quelli dei tifosi. #CiaoNiki”. Parole che anche in poche righe riassumono il legame speciale tra un campione e la sua scuderia: Lauda è un amico, il messaggio sottolinea l’impatto nei cuori dei tifosi del cavallino rampante, che proprio al pilota austriaco devono alcuni tra i ricordi più belli di sempre. Leggi l’articolo completo… [Fonte: SKY.SPORT.IT]

NIKI
LAUDA, L’INFERNO DEL NURBURGRING > 
Nel 1976 il pilota Ferrari rimase
sfigurato quando la sua monoposto prese fuoco dopo un incidente. Si riprese e
tornò a vincere.

Quel primo agosto 1976 Niki
Lauda
 non l’ha mai dimenticato, anche se ha avuto la forza di
rialzarsi. Quella domenica maledetta la pioggerellina, l’azzardo delle gomme da
asciutto e la voglia di fare meglio del rivale James Hunt, hanno
segnato per sempre la vita del pilota austriaco. Niki è morto lunedì a 70 anni in una clinica
svizzera.

Lauda era indietro in quel Gp, e voleva recuperare dall’ottava posizione, ma nel secondo giro, con la pioggia che aveva ricominciato a cadere, e i pneumatici sbagliati, toccò una volta di troppo il cordolo e la sua Ferrari partì imbizzarrita, senza controllo. La monoposto di Maranello sbandò in una curva al Bergwerk, il punto più lontano del circuito dai box, poi scartò verso destra, colpì il guard-rail esterno e rimbalzò in mezzo alla pista, prendendo immediatamente fuoco. Guy Edwards riuscì ad evitarla, mentre Harald Ertl e Brett Lunger la colpirono in pieno: la sfortuna volle che nell’impatto Lauda perse il casco, e fu sfigurato dalle fiamme.

Incidente Niki Lauda

Gli stessi Edwards, Ertl e Lunger si
fermarono e riuscirono a estrarre Lauda dal relitto incandescente
della vettura. Ad aiutarli era giunto anche Arturo Merzario, che si era fermato
appena visto l’incidente.  

Il pilota austriaco era grave, ferito e ustionato, venne trasferito in elicottero all’ospedale militare di Coblenza. Poi da lì fu trasferito al Trauma Clinic di Ludwigshafen, poi al Städliche Krankenanstalten di Mannheim. Furono giorni drammatici, l’austriaco lottava tra la vita e la morte. Oltre alle fiamme, che lo sfregiarono, ci furono le inalazioni dei velenosi fumi di benzina che gli danneggiarono i polmoni. Gli stessi polmoni che lo tradirono otto mesi fa e lo costrinsero ad un trapianto.  Leggi l’articolo completo… [Fonte: QUOTIDIANO.NET]

NIKI
LAUDA, UNA VITA DA FILM IN ‘RUSH’

La sfida con Hunt raccontata da Ron Howard. […] Il film ricostruisce con un ritmo adrenalinico, fra corse, ritratti intensi dei personaggi, la sfida nel 1976 fra l’inglese Hunt (Hemsworth), istintivo e amante di tutti i piaceri della vita, a bordo della McLaren, e l’austriaco Lauda (Bruhl), razionale e immerso nella passione per i motori, sulla Ferrari. Fra i personaggi della storia, anche Clay Regazzoni (Favino), compagno di scuderia dell’austriaco, la modella Suzy Miller (Olivia Wilde), moglie dell’inglese e Marlene Knaus (Alexandra Maria Lara), moglie di Lauda. ”Non volevo fare un film sullo sport – aggiunge Howard – ma riportare l’atmosfera culturale, la vitalità, la frenesia, l’energia di quel mondo che era in se stesso eccitante” . Leggi l’articolo completo… [Fonte: ANSA.IT – Francesca Pierleoni] 

Fonte immagine copertina: ILFATTOQUOTIDIANO.IT

http://bit.ly/2Hsb065