Arrivano le Bubble Room per dormire sotto le stelle

Romantiche bolle trasparenti che garantiscono privacy e sicurezza: accade nel borgo di Biccari. Per dormire nel bosco, in riva al lago o sotto le stelle. La soluzione proposta dal Sindaco della città per incentivare il turismo green a partire da questa estate.

Dormire sotto un cielo stellato, senza subire l’aspetto wilde della notte all’addiaccio con umidità, insetti, temperature mutevoli, avvolti in una bolla, un involucro trasparente che garantisce tutti i comfort, frapponendo tra noi e la natura solo un sottile, ma protettivo velo. Innovazione, design, semplicità ed ecologia: questo è ciò che garantiscono le nuovissime Bubble room in arrivo a partire da questa estate a Biccari, splendida cittadina foggiana. Ad annunciarlo il giovane sindaco, Gianfilippo Mignogna che aggiunge: per questa estate sono in arrivo anche convenzioni speciali con i ristoranti e i bed & breakfast del paese. Il tutto per incentivare un turismo green, eco-sostenibile e responsabile, che avrà un impatto molto dolce sul borgo e sulle attività quotidiane della popolazione che ci vive tutto l’anno in tranquillità.

Continua a leggere su STARTUPITALIA.EU

Fonte immagine copertina STARTUPITALIA.EU

http://bit.ly/2L2n8yJ

Arrivano le Bubble Room per dormire sotto le stelle

Romantiche bolle trasparenti che garantiscono privacy e sicurezza: accade nel borgo di Biccari. Per dormire nel bosco, in riva al lago o sotto le stelle. La soluzione proposta dal Sindaco della città per incentivare il turismo green a partire da questa estate.

Dormire sotto un cielo stellato, senza subire l’aspetto wilde della notte all’addiaccio con umidità, insetti, temperature mutevoli, avvolti in una bolla, un involucro trasparente che garantisce tutti i comfort, frapponendo tra noi e la natura solo un sottile, ma protettivo velo. Innovazione, design, semplicità ed ecologia: questo è ciò che garantiscono le nuovissime Bubble room in arrivo a partire da questa estate a Biccari, splendida cittadina foggiana. Ad annunciarlo il giovane sindaco, Gianfilippo Mignogna che aggiunge: per questa estate sono in arrivo anche convenzioni speciali con i ristoranti e i bed & breakfast del paese. Il tutto per incentivare un turismo green, eco-sostenibile e responsabile, che avrà un impatto molto dolce sul borgo e sulle attività quotidiane della popolazione che ci vive tutto l’anno in tranquillità.

Continua a leggere su STARTUPITALIA.EU

Fonte immagine copertina STARTUPITALIA.EU

http://bit.ly/2L2n8yJ

La Cina costruirà una stazione di ricerca al Polo Sud della Luna

La Cina ha in programma la costruzione di una stazione di ricerca scientifica al polo sud della Luna. Fra gli obiettivi del Paese, c’è anche quello di effettuare esplorazioni lunari con equipaggio entro dieci anni. Lo ha annunciato Zhang Kejian, capo della China National Space Administration, durante il discorso inaugurale alla cerimonia di apertura del Chinàs Space Day a Changsha, capoluogo della provincia di Hunan, nella Cina centrale.

Zhang ha fatto sapere che la Cina lancerà la sonda lunare Chang’e-5 per raccogliere e riportare sulla terra campioni di superficie lunare entro la fine del 2019. Secondo Zhang, Shaoshan, città natale del defunto leader cinese Mao Zedong, sarà la sede di uno dei depositi dei campioni lunari mentre il lancio della prima sonda su Marte sarà nel 2020. La Cina è parte attiva nell’esplorazione dello spazio dal 24 aprile 1970, quando il razzo vettore Long March-1 lanciò in orbita il primo satellite del paese, il Dongfanghong-1. Dal 2016, la Cina ha scelto il 24 aprile come la Giornata nazionale dello Spazio. Il tema delle attività di quest’anno è “realizzare sogni spaziali per una cooperazione vantaggiosa per tutti”.

FONTE: REPUBBLICA.IT

http://bit.ly/2L7TWGv

Il talento che serve per vivere l’Europa

È un tiepido fine
settimana parigino, di quelli in cui questa morbosa e splendente città sa
rivelarsi magnetica ed opprimente. Lo passo in compagnia della famiglia di mio
fratello e del mio nipotino, che vivono da queste parti, spendendo qualche ora
nel Jardin de la Folie-Titon prima del consueto tavolino al sole in qualche terrasse sul canale.

Il prato è ricoperto di bambini, madri e padri che calciano palloni e giocano a nascondino. Lo stagno retrostante, immobile, accoglie qualche piccolo visitatore incuriosito. Una ragazza si concede una docile lettura primaverile. Alzo gli occhi e, sul confine del giardino, noto una lunga stele ricoperta di iscrizioni e, quando siamo sul punto di uscire, faccio breve capolino. Il marmo bianco ricorda che, tra il 1942 e il 1944, undicimila bambini vennero deportati nei campi di concentramento dopo essere stati arrestati dal Governo di Vichy, in collaborazione con i Nazisti tedeschi. Centonovantanove di essi non erano mai andati a scuola. “Passante, leggi i loro nomi, il tuo ricordo è la loro unica sepoltura”.

Questa è l’Europa, per chi ha orecchi e cuore per intendere. Per chi ha cervello a sufficienza per gestirne il peso. Uno spazio per certi versi sovrumano nel quale i piccoli di oggi possono giocare liberi in luoghi e tempi costruiti sui cimiteri dei loro amici del passato, in cui si vive il proprio momento presente sugli ossari, ritrovati e custoditi, innaffiato del sangue livido che ha attraversato in modo capillare un intero continente fino a poco fa. In Europa ogni azione, ogni gesto va meritato, ogni punto sulla cartina è il centro di un triangolo tra la perdita del senno, un lager e una storia di liberazione, ogni passo va meditato e strappato al delirio collettivo cui ogni consesso umano è sottoposto e al quale è sempre totalmente permeabile. Decenni e decenni di pace sono un lusso che si sostiene solo attraverso il peso di questo paradosso nel cuore degli uomini e delle donne – ogni gioco vissuto è costato una scarnificazione, ciascun essere umano che calpesti queste terre ha l’obbligo di pagare il prezzo del ricordo.

L’Europa non è un luogo per tutti ma rinforzarne i confini non servirà. Né ha senso frammentarla, richiamare alla mente le piccole patrie, le storie più o meno locali, i migranti. Questi sono vecchi trucchi da prestigiatori d’accatto o comici privi ormai di qualsivoglia immaginazione. L’Europa è un luogo per chi ha il coraggio di convivere con l’orrore, sempre presente al proprio fianco e a quello di tuo nipote che corre innocente su di un prato, nella consapevolezza che anche questo orrore può divenire puro e perfetto – come nelle parole dello straordinario Colonnello Kurtz interpretato da Brando in Apocalypse Now – e inghiottire il mondo per come lo percepiamo e lo viviamo, in pochi attimi. L’Europa non è per tutti – essa ha bisogno di persone che abbiano il coraggio di vivere la propria profonda e personale Liberazione. Chi non ha il fegato per farlo, si accomodi pure fuori.

http://bit.ly/2VuZIG9

Legittima difesa: Mattarella promulga la legge. Di Maio contro Salvini e Lega

Con 201 voti favorevoli,
38 contrari e 6 gli astenuti, a fine marzo 2019 è arrivato il via libera
del Senato al testo sulla legittima difesa,
diventato quindi legge.

Cosa prevede la legge oggi: la legittima difesa sarà sempre presunta, ossia sarà sempre ritenuto sussistente il rapporto di proporzionalità tra la difesa e l’offesa. E’ questo il fulcro della legge approvata dalla Camera che modifica il comma due dell’articolo 52 del codice penale, in base al quale è possibile utilizzare “un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo” per la difesa legittima della “propria o altrui incolumità” o dei “beni propri o altrui”. Viene inoltre introdotta un’ulteriore presunzione all’interno dello stesso articolo 52, in base alla quale sarebbe sempre da considerarsi in stato di legittima difesa colui che, legittimamente presente all’interno del proprio o dell’altrui domicilio (da intendersi in senso ampio, quale luogo ove venga esercitata attività commerciale, imprenditoriale o professionale), agisca al fine di respingere l’intrusione posta in essere dal malintenzionato di turno con violenza o minaccia. Continua a leggere…

Fonte: ADNKRONOS.COM  

Cosa si dice in Italia? Approfondiamo:

Legittima difesa, Mattarella promulga ma scrive alle Camere: “Non attenua il ruolo dello Stato”.Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha promulgato la legge sulla legittima difesa, ma “contestualmente” ha scritto alle Camere per rimarcare che le nuove norme non devono attenuare il ruolo dello Stato. “Va preliminarmente sottolineato che la nuova normativa non indebolisce né attenua la primaria ed esclusiva responsabilità dello Stato nella tutela della incolumità e della sicurezza dei cittadini, esercitata e assicurata attraverso l’azione generosa ed efficace delle Forze di Polizia”, scrive il capo dello Stato nella lettera inviata ai presidenti del Senato e della Camera e al presidente del Consiglio.  I punti importanti della lettera del Capo dello Stato sono i seguenti: la normativa sulla legittima difesa, prevista dal Codice Rocco e ancora vigente, prevede la condizione di “necessità” che non può essere abolita dalla nuova legge perché sarebbe contraria ai principi costituzionali. In altre parole perché la difesa sia legittima deve continuare a sussistere la necessità di difendersi da un pericolo attuale (ossia in atto, contemporaneo) di un’offesa ingiusta. Continua a leggere…

Fonte: LAREPUBBLICA.IT – Video: Alabianca

Di Maio contro Salvini e Lega: da legittima difesa
a famiglia, da autonomie alle giunte regionali. Gli attacchi dal palco. 
Dal “proliferare di armi” alla richiesta di autonomia che “penalizzerebbe alcune
regioni”, dal concetto “sbagliato e a cui ci opponiamo” di famiglia e del ruolo
della donna
 alle giunte regionali sarde e lucane non ancora al lavoro
fino alle alleanze in Europa. Dal palco di Perugia, il
vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, ha attaccato le
politiche di Matteo Salvini e della Lega. Guarda
il video…

Fonte: ILFATTOQUOTIDIANO.IT

Legittima difesa: in arrivo la nuova legge «E’ vicina ai cittadini, ma no al Far West». Salvini l’aveva promesso. «Gli italiani hanno diritto a difendersi a casa propria». E la nuova legge sulla legittima difesa ora è realtà. «Stiamo aspettando a momenti la firma del capo dello Stato» ha detto ieri a Monreale il ministro dell’Interno a proposito delle norme approvate recentemente dal Parlamento. E mentre c’è chi pensa che possa scattare una corsa alle armi da parte di chi intende farsi giustizia da sé, la domanda che sorge spontanea è: quali scenari si aprono? «Dobbiamo prima aspettare l’applicazione della norma e poi valuteremo» risponde il questore di Catania, Alberto Francini, col quale abbiamo affrontato l’argomento in un momento storico in cui il tema della sicurezza in generale è al centro del dibattito politico, e non solo. «La legittima difesa, vorrei che questo concetto fosse chiaro, non influisce minimamente né sull’acquisto né sul porto delle armi, che sono regolamentati dal testo unico delle leggi di pubblica sicurezza e rimangono così come sono. La modifica apportata è sull’utilizzo delle armi nella fattispecie della legittima difesa. Dunque una modifica all’articolo 52 del codice penale». Continua a leggere…

Fonte: LASICILIA.IT – Vittorio Romano

Fonte immagine copertinaPublicPolicy

http://bit.ly/2ZAdgiK

Malato di Parkinson non trema più

Malato di Parkinson non trema più: operato al cervello, ora ha ripreso a suonare la chitarraEliminazione istantanea del tremore del Parkinson, grazie a elettrodi impiantati alla base dell’encefalo collegati a un generatore di impulsi posto nella regione sottocutanea del torace. E’ l’intervento di stimolazione profonda cerebrale (Dbs) realizzato all’ospedale San Salvatore dell’Aquila su un paziente milanese 66enne affetto da Parkinson da oltre 16 anni. L’operazione, prima in Abruzzo nel suo genere, è stata eseguita dal dottor Francesco Abbate dell’équipe di Neurochirurgia diretta dal dottor Alessandro Ricci, ma è anche frutto di un lavoro di squadra che ha coinvolto anche il dottor Alfonso Marrelli della Neurofisiopatologia, il professor Carlo Masciocchi della Radiologia universitaria con la dottoressa Alessia Catalucci, il professor Carmine Marini direttore della Neurologia affiancato dai dottori Patrizia Sucapane e Davide Cerone, il dottor Franco Marinangeli direttore del reparto di Anestesia e la dottoressa Donatella Trovarelli.

CONTINUA SU ILMESSAGGERO.IT

http://bit.ly/2Vx6tXU